Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons
COVID-19: Rapporto del 30-11-2020.
In #ITALIA: +16.377 nuovi casi positivi, +672 vittime, -9 nuovi ricoveri in terapia intensiva, -308 nuovi ricoveri in reparti Covid, -7.599 nuovi casi in isolamento domiciliare e +23.004 pazienti guariti. (130.524 Tamponi eseguiti). In #PIEMONTE: + 1.185 nuovi positivi, +85 decessi, +3 nuovi ricoveri in terapia intensiva, +3 nuovi ricoveri in reparti Covid, -2.047 casi in isolamento domiciliare,+3.141 pazienti guariti (+12.290 Tamponi). A #NOVARA: Nellultimo rapporto diramato dallAzienda Ospedaliero Universitaria Maggiore della Carità di Novara, si registrano i seguenti casi positivi al Coronavirus: il numero dei #ricoverati #Covid è in diminuzione a 214, di cui: 28 pazienti in #terapiaintensiva, 22 in terapia #subintensiva, 126 nei #repartiCovid , 11 nel reparto di #malattieinfettive, 27 nel reparto Covid dell’#OspedaleSanRocco di #Galliate e 6 #decessi per Covid-19, 5 uomini (1926, 1945, 1931, 1965, 1932) e una donna (1937). Sono stati #dimessi 14 pazienti e #trasferite 8 persone in altre strutture.
Dal mese di novembre il prof. Mario Pirisi è il coordinatore dei reparti Covid a media e bassa intensità di cura.
In Piemonte, secondo i dati diffusi nellaggiornamento odierno dallUnità di Crisi della Regione, le persone risultate #Covidpositive nelle ultime 24 ore sono 166.331 (+2.021), di cui 12.785 12.581 (+204) nella #provincia #novarese. Il Piemonte non è più tra le prime 5 regioni più colpite d’Italia con + 1.185 casi, prima regione l’Emilia Romagna con + 2.041 casi, secondo il Veneto con +2.003 casi, terza la Lombardia con + 1.929 casi, quarta la Campania con 1.626 casi e quinto il Lazio con 1.589 casi; in diminuzione la curva dei contagi da Coronavirus, i tamponi effettuati, sono +12.581; sono 1.185 i positivi, 85 i decessi, 388 (+3 ricoverati in terapia intensiva, 4.737 (+3) i ricoverati in subintensiva e nei reparti Covid, le persone in isolamento domiciliare sono 69.818 (-2.047), i guariti sono 86.334 (+ 3.141).
A #livellonazionale i dati comunicati dal Ministero della Salute evidenziano che l’incremento nazionale dei casi oggi è +1,03 (ieri +1,32%), 12,54% lincidenza del numero di persone risultate positive rispetto al numero complessivo di tamponi effettuati nelle ultime 24 ore (ieri era il 11,66%) e che le persone positive al #Coronavirus nelle ultime 24 ore sono +16.377 rispetto ai 20.648 di ieri, a fronte di un’importante diminuzione dei #tamponi eseguiti, sono stati infatti 130.524 contro i 176.934 di ieri (-46.410).
Il #numerocomplessivo dei #contagiati, comprese vittime e guariti, sale a 1.601.554 contro i 1.585.178 di ieri (+ 16.377). In aumento il numero delle #vittime nelle ultime 24 ore: si registrano 672 morti, ieri erano 541 e portano il totale delle vittime a 55.576. In aumento il numero dei ricoveri nei reparti degli ospedali per il Covid 19. Dai dati del Ministero della Salute emerge che i positivi sono 788.471 ieri erano 795.771 (-7.300): di cui 33.187 #ricoverati con #sintomi nei reparti ordinari ieri erano 32.879 (+308), il numero dei ricoverati nelle #terapieintensive sono 3.744 ieri erano 3.753 (-9 rispetto a ieri) e 751.540 si trovano in #isolamento #domiciliare contro i 759.139 di ieri (-7.599). Il totale dei #dimessi e dei #guariti dallinizio dellemergenza sale invece a 757.507, con un incremento rispetto a ieri che i casi erano 734.503 (+23.004)

COVID-19: Rapporto del 30-11-2020.
In #ITALIA: +16.377 nuovi casi positivi, +672 vittime, -9 nuovi ricoveri in terapia intensiva, -308 nuovi ricoveri in reparti Covid, -7.599 nuovi casi in isolamento domiciliare e +23.004 pazienti guariti. (130.524 Tamponi eseguiti). In #PIEMONTE: + 1.185 nuovi positivi, +85 decessi, +3 nuovi ricoveri in terapia intensiva, +3 nuovi ricoveri in reparti Covid, -2.047 casi in isolamento domiciliare,+3.141 pazienti guariti (+12.290 Tamponi). A #NOVARA: Nell'ultimo rapporto diramato dall'Azienda Ospedaliero Universitaria Maggiore della Carità di Novara, si registrano i seguenti casi positivi al Coronavirus: il numero dei #ricoverati #Covid è in diminuzione a 214, di cui: 28 pazienti in #terapiaintensiva, 22 in terapia #subintensiva, 126 nei #repartiCovid , 11 nel reparto di #malattieinfettive, 27 nel reparto Covid dell’#OspedaleSanRocco di #Galliate e 6 #decessi per Covid-19, 5 uomini (1926, 1945, 1931, 1965, 1932) e una donna (1937). Sono stati #dimessi 14 pazienti e #trasferite 8 persone in altre strutture.
Dal mese di novembre il prof. Mario Pirisi è il coordinatore dei reparti Covid a media e bassa intensità di cura.
In Piemonte, secondo i dati diffusi nell'aggiornamento odierno dall'Unità di Crisi della Regione, le persone risultate #Covidpositive nelle ultime 24 ore sono 166.331 (+2.021), di cui 12.785 12.581 (+204) nella #provincia #novarese. Il Piemonte non è più tra le prime 5 regioni più colpite d’Italia con + 1.185 casi, prima regione l’Emilia Romagna con + 2.041 casi, secondo il Veneto con +2.003 casi, terza la Lombardia con + 1.929 casi, quarta la Campania con 1.626 casi e quinto il Lazio con 1.589 casi; in diminuzione la curva dei contagi da Coronavirus, i tamponi effettuati, sono +12.581; sono 1.185 i positivi, 85 i decessi, 388 (+3 ricoverati in terapia intensiva, 4.737 (+3) i ricoverati in subintensiva e nei reparti Covid, le persone in isolamento domiciliare sono 69.818 (-2.047), i guariti sono 86.334 (+ 3.141).
A #livellonazionale i dati comunicati dal Ministero della Salute evidenziano che l’incremento nazionale dei casi oggi è +1,03 (ieri +1,32%), 12,54% l'incidenza del numero di persone risultate positive rispetto al numero complessivo di tamponi effettuati nelle ultime 24 ore (ieri era il 11,66%) e che le persone positive al #Coronavirus nelle ultime 24 ore sono +16.377 rispetto ai 20.648 di ieri, a fronte di un’importante diminuzione dei #tamponi eseguiti, sono stati infatti 130.524 contro i 176.934 di ieri (-46.410).
Il #numerocomplessivo dei #contagiati, comprese vittime e guariti, sale a 1.601.554 contro i 1.585.178 di ieri (+ 16.377). In aumento il numero delle #vittime nelle ultime 24 ore: si registrano 672 morti, ieri erano 541 e portano il totale delle vittime a 55.576. In aumento il numero dei ricoveri nei reparti degli ospedali per il Covid 19. Dai dati del Ministero della Salute emerge che i positivi sono 788.471 ieri erano 795.771 (-7.300): di cui 33.187 #ricoverati con #sintomi nei reparti ordinari ieri erano 32.879 (+308), il numero dei ricoverati nelle #terapieintensive sono 3.744 ieri erano 3.753 (-9 rispetto a ieri) e 751.540 si trovano in #isolamento #domiciliare contro i 759.139 di ieri (-7.599). Il totale dei #dimessi e dei #guariti dall'inizio dell'emergenza sale invece a 757.507, con un incremento rispetto a ieri che i casi erano 734.503 (+23.004)
... Vedi altroVedi di meno

Commenta su Facebook

#CORONAVIRUS #PIEMONTE: IL BOLLETTINO DELLE ORE 17 DEL 30 NOVEMBRE 2020 LA SITUAZIONE DEI CONTAGI Oggi l’Unità di crisi della Regione Piemonte ha comunicato 1185 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 in Piemonte, pari al 9,6% dei 12.290tamponi eseguiti. Dei 1185 nuovi casi, gli asintomatici sono 501, pari al 42,2%. I casi sono così ripartiti: 452 screening, 463 contatti di caso, 270 con indagine in corso; per ambito: 218 RSA/Strutture Socio-Assistenziali, 54 scolastico, 913 popolazione generale. Il totale dei casi positivi diventa quindi 167.516, così suddivisi su base provinciale: 14.487 Alessandria, 7769 Asti, 5820 Biella, 22.980 Cuneo, 12.903 Novara, 89.234 Torino, 6370 Vercelli, 5503 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 929 residenti fuori regione ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 1521 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. I ricoverati in terapia intensiva sono 388 (+ 3rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 4737(+3rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 69.818 I tamponi diagnostici finora processati sono 1.558.737(+ 12.290 rispetto a ieri), di cui 793.519 risultati negativi. I DECESSI DIVENTANO 6.239 Sono 85 i decessi di persone positive al test del Covid-19 comunicati dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte, di cui 14 verificatisi oggi (si ricorda che il dato di aggiornamento cumulativo comunicato giornalmente comprende anche decessi avvenuti nei giorni precedenti e solo successivamente accertati come decessi Covid). Il totale è ora 6.239 deceduti risultati positivi al virus, così suddivisi per provincia: 936 Alessandria, 368 Asti, 286 Biella, 692 Cuneo, 549 Novara, 2841 Torino, 307 Vercelli, 194 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 66 residenti fuori regione ma deceduti in Piemonte. 86.334 PAZIENTI GUARITI I pazienti guariti sono complessivamente 86.334 (+ 3.141 rispetto a ieri) così suddivisi su base provinciale: 6769 Alessandria, 4357 Asti, 2594 Biella, 10.241 Cuneo, 5616 Novara, 49.915 Torino, 3262 Vercelli, 2638 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 458 extraregione e 484 in fase di definizione.

Appuntamento questa sera alle 19.30 e in replica alle 22,30 su #OndaNovaraTV , canali Dtt 611 e 864 (Piemonte - Lombardia e Svizzera Italiana) con "Presa Diretta - Speciale Coronavirus Novara" - 1° parte -
Nella prima parte del nostro "speciale" abbiamo incontrato il #Sindaco della Città di Novara Alessandro Canelli, l’Ass. alle politiche sociali del Comune di Novara Franco Caressa, Assessore alla sicurezza del Comune di Novara Luca Piantanida, Assessore al commercio del Comune di Novara Elisabetta Franzoni, Presidente del Comitato di Novara della Croce Rossa Italiana #PaoloPellizzari e l'Assessore all'Istruzione ed Educazione Valentina Graziosi.

Servizio a cura di Mary Maria Rosa Marsilio, Greta Mareschi e Emanuela Fortuna
#PresaDiretta #OndaNovaraTv
#Speciale #Coronavirus
#Novara
Comune di Novara
Mario Teruggi
... Vedi altroVedi di meno

Prende il via questa sera una nuova importante collaborazione con il Circolo dei Lettori di Novara, tutti i lunedì e i venerdì alle 20,30 potrete vedere gli eventi del Circolo su Onda Novara TV canali Dtt 611 e 864 (Piemonte - Lombardia e Svizzera Italiana).
Questa sera primo appuntamento alle 20,30 e in replica martedì alle 11.30 e alle 17,05, mercoledì alle 09,08 e domenica alle 10,00, 14,00 e alle 20,30 con Alessandro Barbaglia, presenta Scacco matto tra le stelle (Libri Mondadori) con live painting di Ilaria Urbinati.
Nellambito di La cultura è essenziale, progetto del Comune di Novara.  
#circolodeilettoridinovara #alessandrobarbaglia 
#Laculturaèessenziale
Comune di Novara
Circolo dei lettori
Mario Teruggi

Prende il via questa sera una nuova importante collaborazione con il Circolo dei Lettori di Novara, tutti i lunedì e i venerdì alle 20,30 potrete vedere gli eventi del Circolo su Onda Novara TV canali Dtt 611 e 864 (Piemonte - Lombardia e Svizzera Italiana).
Questa sera primo appuntamento alle 20,30 e in replica martedì alle 11.30 e alle 17,05, mercoledì alle 09,08 e domenica alle 10,00, 14,00 e alle 20,30 con Alessandro Barbaglia, presenta "Scacco matto tra le stelle" (Libri Mondadori) con live painting di Ilaria Urbinati.
Nell'ambito di "La cultura è essenziale", progetto del Comune di Novara.
#circolodeilettoridinovara #alessandrobarbaglia
#Laculturaèessenziale
Comune di Novara
Circolo dei lettori
Mario Teruggi
... Vedi altroVedi di meno

#PIEMONTE: I SERVIZI DIGITALI A DISTANZA.
Sono oltre 200 i servizi della Regione Piemonte che cittadini e imprese possono regolarmente svolgere da casa, evitando quindi di uscire e di recarsi direttamente presso gli uffici.
Adempimenti, pratiche, consultazioni, accessi e pagamenti già da qualche tempo sono attività che è possibile effettuare a distanza, ma mai come in questo momento è necessaria una conoscenza più approfondita da parte di tutti per sfruttare al meglio le possibilità offerte dai #servizidigitali erogati da Csi Piemonte per conto della Regione.
Anche in caso di incombenze urgenti, si può quindi operare attraverso lo schermo di un pc senza muoversi dalla propria abitazione.
Imparando a districarsi al meglio con le varie possibilità offerte dal web è fondamentale oggi per rispettare le disposizioni in atto legate allemergenza Covid-19, ma sarà ancora più utile domani, per risparmiare tempo prezioso ed essere più efficienti e veloci nella gestione della propria quotidianità.
Che cosa serve
Prima di tutto, una premessa importante: una buona parte dei servizi della Pubblica amministrazione italiana sono ormai accessibili attraverso #SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale, grazie al quale cittadini ed imprese possono accedere attraverso un’unica identità digitale, rilasciata da uno dei gestori accreditati da AgID a livello nazionale. E divenuta quindi la porta principale di accesso ai canali della PA e lo sarà sempre di più nel futuro.
Per il rilascio delle credenziali SPID qui ci sono tutte le informazioni utili. Anche in questo caso, qualora non si fosse ancora provveduto a farsi rilasciare le credenziali, non è necessario recarsi in uffici fisici: è possibile ottenere SPID anche comodamente da casa.
Attraverso il Fondo Europeo di Sviluppo regionale, la Regione Piemonte ha aumentato e potenziato i suoi servizi informatici, accessibili non solo attraverso SPID, ma anche attraverso la carta didentità elettronica oppure liberamente. Alcuni strumenti sono infatti anche consultabili senza registrazione, mentre altri sono protetti e richiedono il riconoscimento sicuro dell’utente attraverso diverse modalità, comunque ottenibili in pochi minuti.
Il portale Sistema Piemonte contiene tutti i servizi offerti da Csi e Regione Piemonte: da un unico punto di ingresso si può accedere a due sezioni distinte, una è rivolta al settore privato che comprende cittadini, professionisti, imprese e intermediari. Laltra dedicata al mondo della PA piemontese.
I principali servizi su Sistema Piemonte
Sanità: prenotazione visite ed esami sanitari, cambio medico, ritiro referti di laboratorio, pagamento ticket, fascicolo sanitario, ricette dematerializzate, richiesta esenzione ticket per reddito
Agricoltura: servizi professionali per operatori di settore, servizi di sorveglianza e monitoraggio per funzionari, tecnici e ricercatori, servizi informativi
Tributi: pagamento bollo auto, visure, sospensioni
Istruzione: contributi per il diritto allo studio
Edilizia: dematerializzazione pratiche, invii telematici
Attività produttive: sportello unico per le imprese, strumenti dedicati agli operatori per ottenere finanziamenti, contributi, rimborsi
Energia: catasto impianti termici, sistema informativo per la prestazione energetica degli edifici.
Ambiente: informazioni sullo stato della qualità dell’aria, aree naturali protette, dati smaltimento dei rifiuti, procedure di impatto ambientale, adempimenti vari.
Per maggiori informazioni consultare lelenco completo di tutti i servizi o visitare il portale Sistema Piemonte.
https://www.regione.piemonte.it/web/temi/sviluppo/coronavirus-servizi-digitali-distanza
https://youtu.be/-vIKCQJk43U

#PIEMONTE: I SERVIZI DIGITALI A DISTANZA.
Sono oltre 200 i servizi della Regione Piemonte che cittadini e imprese possono regolarmente svolgere da casa, evitando quindi di uscire e di recarsi direttamente presso gli uffici.
Adempimenti, pratiche, consultazioni, accessi e pagamenti già da qualche tempo sono attività che è possibile effettuare a distanza, ma mai come in questo momento è necessaria una conoscenza più approfondita da parte di tutti per sfruttare al meglio le possibilità offerte dai #servizidigitali erogati da Csi Piemonte per conto della Regione.
Anche in caso di incombenze urgenti, si può quindi operare attraverso lo schermo di un pc senza muoversi dalla propria abitazione.
Imparando a districarsi al meglio con le varie possibilità offerte dal web è fondamentale oggi per rispettare le disposizioni in atto legate all'emergenza Covid-19, ma sarà ancora più utile domani, per risparmiare tempo prezioso ed essere più efficienti e veloci nella gestione della propria quotidianità.
Che cosa serve
Prima di tutto, una premessa importante: una buona parte dei servizi della Pubblica amministrazione italiana sono ormai accessibili attraverso #SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale, grazie al quale cittadini ed imprese possono accedere attraverso un’unica identità digitale, rilasciata da uno dei gestori accreditati da AgID a livello nazionale. E' divenuta quindi la porta principale di accesso ai canali della PA e lo sarà sempre di più nel futuro.
Per il rilascio delle credenziali SPID qui ci sono tutte le informazioni utili. Anche in questo caso, qualora non si fosse ancora provveduto a farsi rilasciare le credenziali, non è necessario recarsi in uffici fisici: è possibile ottenere SPID anche comodamente da casa.
Attraverso il Fondo Europeo di Sviluppo regionale, la Regione Piemonte ha aumentato e potenziato i suoi servizi informatici, accessibili non solo attraverso SPID, ma anche attraverso la carta d'identità elettronica oppure liberamente. Alcuni strumenti sono infatti anche consultabili senza registrazione, mentre altri sono protetti e richiedono il riconoscimento sicuro dell’utente attraverso diverse modalità, comunque ottenibili in pochi minuti.
Il portale Sistema Piemonte contiene tutti i servizi offerti da Csi e Regione Piemonte: da un unico punto di ingresso si può accedere a due sezioni distinte, una è rivolta al settore privato che comprende cittadini, professionisti, imprese e intermediari. L'altra dedicata al mondo della PA piemontese.
I principali servizi su Sistema Piemonte
Sanità: prenotazione visite ed esami sanitari, cambio medico, ritiro referti di laboratorio, pagamento ticket, fascicolo sanitario, ricette dematerializzate, richiesta esenzione ticket per reddito
Agricoltura: servizi professionali per operatori di settore, servizi di sorveglianza e monitoraggio per funzionari, tecnici e ricercatori, servizi informativi
Tributi: pagamento bollo auto, visure, sospensioni
Istruzione: contributi per il diritto allo studio
Edilizia: dematerializzazione pratiche, invii telematici
Attività produttive: sportello unico per le imprese, strumenti dedicati agli operatori per ottenere finanziamenti, contributi, rimborsi
Energia: catasto impianti termici, sistema informativo per la prestazione energetica degli edifici.
Ambiente: informazioni sullo stato della qualità dell’aria, aree naturali protette, dati smaltimento dei rifiuti, procedure di impatto ambientale, adempimenti vari.
Per maggiori informazioni consultare l'elenco completo di tutti i servizi o visitare il portale Sistema Piemonte.
https://regione.piemonte.it/web/temi/…
... Vedi altroVedi di meno

COVID-19: Rapporto del 29-11-2020.
In #ITALIA: +20.648 nuovi casi positivi, +541 vittime, -9 nuovi ricoveri in terapia intensiva, -420 nuovi ricoveri in reparti Covid, +6.892 nuovi casi in isolamento domiciliare e +13.642 pazienti guariti. (176.934 Tamponi eseguiti). In #PIEMONTE: + 2.021 nuovi positivi, +84 decessi, +1 nuovi ricoveri in terapia intensiva, - 47 nuovi ricoveri in reparti Covid, +953 casi in isolamento domiciliare,+1.030 pazienti guariti (+14.157 Tamponi). A #NOVARA: Nellultimo rapporto diramato dallAzienda Ospedaliero Universitaria Maggiore della Carità di Novara, si registrano i seguenti casi positivi al Coronavirus:  il numero dei #ricoverati #Covid è in lievissimo aumento a 231, di cui: 30 pazienti in #terapiaintensiva, 21 in terapia #subintensiva, 139 nei #repartiCovid , 13 nel reparto di #malattieinfettive, 28 nel reparto Covid dell’#OspedaleSanRocco di #Galliate e 2 #decessi per Covid-19, (un uomo del 1934 e una donna del 1932). Sono stati #dimessi 4 pazienti e #trasferite 3 persone in altre strutture.
In Piemonte, secondo i dati diffusi nellaggiornamento odierno dallUnità di Crisi della Regione, le persone risultate #Covidpositive nelle ultime 24 ore sono 166.331 (+2.021), di cui 12.785 12.581 (+204) nella #provincia #novarese. Il Piemonte è al quarto posto tra le prime 5 regioni più colpite d’Italia con + 2.021 casi, prima regione la Lombardia con + 3.203 casi, secondo il Veneto con +2.617 casi, terza la Campania con + 2.022 casi e quinto il Lazio con 1.993 casi; in diminuzione la curva dei contagi da Coronavirus, i tamponi effettuati, sono +12.581; sono 2.021 i positivi, 84 i decessi, 385 (+1 ricoverati in terapia intensiva, 4.734 (-47) i ricoverati in subintensiva e nei reparti Covid, le persone in isolamento domiciliare sono 71.865 (+953), i guariti sono 83.193 (+ 1030).
A #livellonazionale i dati comunicati dal Ministero della Salute evidenziano che l’incremento nazionale dei casi oggi è +1,32 (ieri +1,71%), 11.66% lincidenza del numero di persone risultate positive rispetto al numero complessivo di tamponi effettuati nelle ultime 24 ore (ieri era il 11,65%) e che le persone positive al #Coronavirus nelle ultime 24 ore sono +20.648 rispetto ai 26.323 di ieri, a fronte di un’importante diminuzione dei #tamponi eseguiti, sono stati infatti 176.934 contro i 225.940 di ieri (-49.006).
Il #numerocomplessivo dei #contagiati, comprese vittime e guariti, sale a 1.585.178 contro i 1.564.532 di ieri (+ 20.648). In diminuzione il numero delle #vittime nelle ultime 24 ore: si registrano 541 morti, ieri erano 686 e portano il totale delle vittime a 54.904. In discesa il numero dei ricoveri nei reparti degli ospedali per il Covid 19. Dai dati del Ministero della Salute emerge che i positivi sono 795.771 ieri erano 789.308 (+6.463): di cui 32.879 #ricoverati con #sintomi nei reparti ordinari ieri erano 33.299 (-420), il numero dei ricoverati nelle #terapieintensive sono 3.753 ieri erano 3.762 (-9 rispetto a ieri) e 759.139 si trovano in #isolamento #domiciliare contro i 752.247 di ieri (+6.892). Il totale dei #dimessi e dei #guariti dallinizio dellemergenza sale invece a 734.503, con un incremento rispetto a ieri che i casi erano 720.861 (+13.642)

COVID-19: Rapporto del 29-11-2020.
In #ITALIA: +20.648 nuovi casi positivi, +541 vittime, -9 nuovi ricoveri in terapia intensiva, -420 nuovi ricoveri in reparti Covid, +6.892 nuovi casi in isolamento domiciliare e +13.642 pazienti guariti. (176.934 Tamponi eseguiti). In #PIEMONTE: + 2.021 nuovi positivi, +84 decessi, +1 nuovi ricoveri in terapia intensiva, - 47 nuovi ricoveri in reparti Covid, +953 casi in isolamento domiciliare,+1.030 pazienti guariti (+14.157 Tamponi). A #NOVARA: Nell'ultimo rapporto diramato dall'Azienda Ospedaliero Universitaria Maggiore della Carità di Novara, si registrano i seguenti casi positivi al Coronavirus: il numero dei #ricoverati #Covid è in lievissimo aumento a 231, di cui: 30 pazienti in #terapiaintensiva, 21 in terapia #subintensiva, 139 nei #repartiCovid , 13 nel reparto di #malattieinfettive, 28 nel reparto Covid dell’#OspedaleSanRocco di #Galliate e 2 #decessi per Covid-19, (un uomo del 1934 e una donna del 1932). Sono stati #dimessi 4 pazienti e #trasferite 3 persone in altre strutture.
In Piemonte, secondo i dati diffusi nell'aggiornamento odierno dall'Unità di Crisi della Regione, le persone risultate #Covidpositive nelle ultime 24 ore sono 166.331 (+2.021), di cui 12.785 12.581 (+204) nella #provincia #novarese. Il Piemonte è al quarto posto tra le prime 5 regioni più colpite d’Italia con + 2.021 casi, prima regione la Lombardia con + 3.203 casi, secondo il Veneto con +2.617 casi, terza la Campania con + 2.022 casi e quinto il Lazio con 1.993 casi; in diminuzione la curva dei contagi da Coronavirus, i tamponi effettuati, sono +12.581; sono 2.021 i positivi, 84 i decessi, 385 (+1 ricoverati in terapia intensiva, 4.734 (-47) i ricoverati in subintensiva e nei reparti Covid, le persone in isolamento domiciliare sono 71.865 (+953), i guariti sono 83.193 (+ 1030).
A #livellonazionale i dati comunicati dal Ministero della Salute evidenziano che l’incremento nazionale dei casi oggi è +1,32 (ieri +1,71%), 11.66% l'incidenza del numero di persone risultate positive rispetto al numero complessivo di tamponi effettuati nelle ultime 24 ore (ieri era il 11,65%) e che le persone positive al #Coronavirus nelle ultime 24 ore sono +20.648 rispetto ai 26.323 di ieri, a fronte di un’importante diminuzione dei #tamponi eseguiti, sono stati infatti 176.934 contro i 225.940 di ieri (-49.006).
Il #numerocomplessivo dei #contagiati, comprese vittime e guariti, sale a 1.585.178 contro i 1.564.532 di ieri (+ 20.648). In diminuzione il numero delle #vittime nelle ultime 24 ore: si registrano 541 morti, ieri erano 686 e portano il totale delle vittime a 54.904. In discesa il numero dei ricoveri nei reparti degli ospedali per il Covid 19. Dai dati del Ministero della Salute emerge che i positivi sono 795.771 ieri erano 789.308 (+6.463): di cui 32.879 #ricoverati con #sintomi nei reparti ordinari ieri erano 33.299 (-420), il numero dei ricoverati nelle #terapieintensive sono 3.753 ieri erano 3.762 (-9 rispetto a ieri) e 759.139 si trovano in #isolamento #domiciliare contro i 752.247 di ieri (+6.892). Il totale dei #dimessi e dei #guariti dall'inizio dell'emergenza sale invece a 734.503, con un incremento rispetto a ieri che i casi erano 720.861 (+13.642)
... Vedi altroVedi di meno

Commenta su Facebook

#CORONAVIRUS #PIEMONTE: IL BOLLETTINO DELLE ORE 17 DEL #29NOVEMBRE 2020 LA SITUAZIONE DEI CONTAGI Oggi l’Unità di crisi della Regione Piemonte ha comunicato 2.021 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 in Piemonte, pari al 14,3% dei 14.157 tamponi eseguiti. Dei 2021 nuovi casi, gli asintomatici sono 797, pari al 39,4%. I casi sono così ripartiti: 321 screening, 1022 contatti di caso, 678 con indagine in corso; per ambito: 272 RSA/Strutture Socio-Assistenziali, 123 scolastico, 1.626 popolazione generale. Il totale dei casi positivi diventa quindi 166.331, così suddivisi su base provinciale: 14.356 Alessandria, 7.683Asti, 5.767 Biella, 22.827 Cuneo, 12.785 Novara, 88.655 Torino, 6.340 Vercelli, 5.485 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 927 residenti fuori regione ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 1.506 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. I ricoverati in terapia intensiva sono 385 (+1 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 4.734 (-47 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 71.865 I tamponi diagnostici finora processati sono 1.546.447 (+14.157 rispetto a ieri), di cui 790.052 risultati negativi. I DECESSI DIVENTANO 6.154 Sono 84 i decessi di persone positive al test del Covid-19 comunicati dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte, di cui 7 verificatisi oggi (si ricorda che il dato di aggiornamento cumulativo comunicato giornalmente comprende anche decessi avvenuti nei giorni precedenti e solo successivamente accertati come decessi Covid). Il totale è ora 6.154 deceduti risultati positivi al virus, così suddivisi per provincia: 927 Alessandria, 356 Asti, 286 Biella, 682 Cuneo, 546 Novara, 2.794 Torino, 307 Vercelli, 191 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 65 residenti fuori regione ma deceduti in Piemonte. 83.193 PAZIENTI GUARITI I pazienti guariti sono complessivamente 83.193 (+ 1030 rispetto a ieri) così suddivisi su base provinciale: Alessandria 6.593, Asti 4.087, Biella 2.563, Cuneo 9.892, Novara 5.491, Torino 48.001, Vercelli 3.150, Verbano-Cusio-Ossola 2.504, oltre a 452 extraregione e 460 in fase di definizione.

Covid-19 : La mappa dei contagi in Piemonte

#PIEMONTE IN ZONA ARANCIONE #ORDINANZA SULLA #SCUOLA 
#Coronavirus Ordinanza n. 132 del 28 novembre 2020 del Presidente della Regione Alberto Cirio che dispone fino a mercoledì 23 dicembre 2020 il ricorso alla didattica digitale a distanza nelle classi seconde e terze medie statali e paritarie.
https://www.regione.piemonte.it/web/sites/default/files/media/documenti/2020-11/ord._n._132_del_28_novembre_2020_v3.pdf

IL PRESIDENTE CIRIO:
“RIAPRIRE IN SICUREZZA PER NON RICHIUDERE FRA UN MESE.
CON L’USR CAMBIEREMO IL CALENDARIO SCOLASTICO
PER RECUPERARE I GIORNI PERSI IN PRESENZA”
Il parere degli epidemiologi:
“Una scelta di prudenza in prossimità delle Feste dove sale il rischio di contagio”
“Per la ripresa dell’attività didattica, si ritiene che possa essere ragionevole ipotizzare che il
mantenimento delle didattica a distanza anche del secondo e terzo anno di frequenza della scuola
secondaria di primo grado possa considerarsi una scelta prudenziale, secondo un principio di
precauzione, in considerazione di un possibile maggiore rischio epidemiologico relativo alle
prossime festività natalizie, considerato anche il contributo significativo che tale misura ha dato
nell’inversione di tendenza del trend epidemico e alla luce dell’attuale base di rischio di infezione.
Tali misure prudenziali e precauzionali, in particolari quelle relative alla scuola secondaria di primo
grado, sono da considerarsi come necessarie al fine di salvaguardare il comune obiettivo di un
ritorno in presenza a scuola a partire dal prossimo mese di gennaio”.
Sono le parole della task force di epidemiologi ed esperti della Regione Piemonte (Giuseppe
Costa, Paolo Vineis, Lorenzo Richiardi, Carlo Di Pietrantonj e Chiara Pasqualini, accanto a Ferruccio
Fazio e Giovanni Di Perri), figure conosciute e stimate a livello nazionale e internazionale, a chiarire il
perché della scelta del Piemonte di mantenere la didattica a distanza anche per le seconde e
terze classi delle scuole secondarie di primo grado.
La decisione conferma una misura che nelle “zone arancioni” è già prevista dal Governo per le
scuole superiori, estendendola anche alle ultime classi della scuola media.
«È una scelta dolorosa, ma necessaria - sottolinea il presidente della Regione Piemonte Alberto
Cirio -. Riaprire la scuola non è una priorità: è la priorità. Proprio per questo è fondamentale farlo in
sicurezza, per non rischiare di dover richiudere fra un mese. Il Piemonte ha predisposto un piano sui
trasporti e gli orari che credo sarebbe opportuno adottare a livello nazionale, se veramente si vuole
garantire la scuola in presenza. Perché ripartire senza cambiare le condizioni dei trasporti scolastici
e senza scaglionare gli orari di ingresso a scuola, in modo da consentire più turni dei mezzi pubblici
che viaggiano al 50%, significa esporre al rischio molto concreto di un nuovo stop fra un mese, che
sarebbe ancora più deleterio a ridosso degli esami di terza media e di maturità. Senza considerare
l’impatto in prossimità delle feste: escludendo il ponte dell’Immacolata e le vacanze di Natale, ci
sono circa 15 giorni di scuola effettivi da qui all’Epifania. Due settimane in cui i ragazzi rischiano
concretamente di tornare a contagiarsi nel pre e post scuola, portando poi il virus in famiglia proprio
nel momento in cui si trascorrono giornate di festa con i propri parenti, a cominciare dai nonni.
A spiegarlo in modo inequivocabile sono i numeri. Dall’apertura dell’anno scolastico il contagio in
età scolare ha avuto un rapido incremento che ha toccato il picco massimo a fine ottobre, con
una crescita che è stata esponenziale in particolare dagli 11 ai 18 anni e più graduale e contenuta
fino ai 10 anni. Dall’introduzione della didattica a distanza la curva ha invertito la tendenza,
evidenziando l’inizio di una fase in discesa. In particolare dal 26 ottobre (data di inizio della
didattica a distanza alle superiori) al 22 novembre (settimana del Report che ha portato il Piemonte
in zona arancione) i casi di positività nelle fasce 11-13 e 14-18 anni si sono dimezzati, passando
da 483 a 218 (ogni 100 mila) nella età scolare delle medie e da 570 a 297 in quella legata alle
scuole superiori. 
In flessione il contagio anche nelle altre fasce di età seppur in forma meno consistente, sia
come conseguenza indiretta della dad (con riduzione del rischio di contagio importato dai fratelli
maggiori), sia come effetto delle generali misure di contenimento e dell’introduzione della zona
rossa. In particolare nella fascia 6-10 anni si è passati da 243 a 153 casi (su 100 mila), nella fascia
0-2 anni da 149 a 98 e in quella 3-5 anni da 107 a 103.
«Dobbiamo avere buonsenso ed essere prudenti per non vanificare tutto il sacrificio fatto finora -
conclude il presidente Cirio -. Riportare a scuola tutti gli studenti del Piemonte è una assoluta
priorità. Per cui voglio rassicurare chi giustamente è preoccupato che i nostri figli possano essere
penalizzati da una scuola vissuta a distanza: mi sono già confrontato con il Direttore dell’Ufficio
scolastico regionale e già da lunedì lavoreremo insieme per rimodulare il calendario scolastico
dell’anno in corso e recuperare dalla primavera, cessata l’emergenza, i giorni in presenza che sono
stati persi”.
N.B. In allegato il grafico con la curva del contagio nell’eta scolare.

#PIEMONTE IN ZONA ARANCIONE #ORDINANZA SULLA #SCUOLA
#Coronavirus Ordinanza n. 132 del 28 novembre 2020 del Presidente della Regione Alberto Cirio che dispone fino a mercoledì 23 dicembre 2020 il ricorso alla didattica digitale a distanza nelle classi seconde e terze medie statali e paritarie.
https://regione.piemonte.it/web/sites/…

IL PRESIDENTE CIRIO:
“RIAPRIRE IN SICUREZZA PER NON RICHIUDERE FRA UN MESE.
CON L’USR CAMBIEREMO IL CALENDARIO SCOLASTICO
PER RECUPERARE I GIORNI PERSI IN PRESENZA”
Il parere degli epidemiologi:
“Una scelta di prudenza in prossimità delle Feste dove sale il rischio di contagio”
“Per la ripresa dell’attività didattica, si ritiene che possa essere ragionevole ipotizzare che il
mantenimento delle didattica a distanza anche del secondo e terzo anno di frequenza della scuola
secondaria di primo grado possa considerarsi una scelta prudenziale, secondo un principio di
precauzione, in considerazione di un possibile maggiore rischio epidemiologico relativo alle
prossime festività natalizie, considerato anche il contributo significativo che tale misura ha dato
nell’inversione di tendenza del trend epidemico e alla luce dell’attuale base di rischio di infezione.
Tali misure prudenziali e precauzionali, in particolari quelle relative alla scuola secondaria di primo
grado, sono da considerarsi come necessarie al fine di salvaguardare il comune obiettivo di un
ritorno in presenza a scuola a partire dal prossimo mese di gennaio”.
Sono le parole della task force di epidemiologi ed esperti della Regione Piemonte (Giuseppe
Costa, Paolo Vineis, Lorenzo Richiardi, Carlo Di Pietrantonj e Chiara Pasqualini, accanto a Ferruccio
Fazio e Giovanni Di Perri), figure conosciute e stimate a livello nazionale e internazionale, a chiarire il
perché della scelta del Piemonte di mantenere la didattica a distanza anche per le seconde e
terze classi delle scuole secondarie di primo grado.
La decisione conferma una misura che nelle “zone arancioni” è già prevista dal Governo per le
scuole superiori, estendendola anche alle ultime classi della scuola media.
«È una scelta dolorosa, ma necessaria - sottolinea il presidente della Regione Piemonte Alberto
Cirio -. Riaprire la scuola non è una priorità: è la priorità. Proprio per questo è fondamentale farlo in
sicurezza, per non rischiare di dover richiudere fra un mese. Il Piemonte ha predisposto un piano sui
trasporti e gli orari che credo sarebbe opportuno adottare a livello nazionale, se veramente si vuole
garantire la scuola in presenza. Perché ripartire senza cambiare le condizioni dei trasporti scolastici
e senza scaglionare gli orari di ingresso a scuola, in modo da consentire più turni dei mezzi pubblici
che viaggiano al 50%, significa esporre al rischio molto concreto di un nuovo stop fra un mese, che
sarebbe ancora più deleterio a ridosso degli esami di terza media e di maturità. Senza considerare
l’impatto in prossimità delle feste: escludendo il ponte dell’Immacolata e le vacanze di Natale, ci
sono circa 15 giorni di scuola effettivi da qui all’Epifania. Due settimane in cui i ragazzi rischiano
concretamente di tornare a contagiarsi nel pre e post scuola, portando poi il virus in famiglia proprio
nel momento in cui si trascorrono giornate di festa con i propri parenti, a cominciare dai nonni.
A spiegarlo in modo inequivocabile sono i numeri. Dall’apertura dell’anno scolastico il contagio in
età scolare ha avuto un rapido incremento che ha toccato il picco massimo a fine ottobre, con
una crescita che è stata esponenziale in particolare dagli 11 ai 18 anni e più graduale e contenuta
fino ai 10 anni. Dall’introduzione della didattica a distanza la curva ha invertito la tendenza,
evidenziando l’inizio di una fase in discesa. In particolare dal 26 ottobre (data di inizio della
didattica a distanza alle superiori) al 22 novembre (settimana del Report che ha portato il Piemonte
in zona arancione) i casi di positività nelle fasce 11-13 e 14-18 anni si sono dimezzati, passando
da 483 a 218 (ogni 100 mila) nella età scolare delle medie e da 570 a 297 in quella legata alle
scuole superiori.
In flessione il contagio anche nelle altre fasce di età seppur in forma meno consistente, sia
come conseguenza indiretta della dad (con riduzione del rischio di contagio importato dai fratelli
maggiori), sia come effetto delle generali misure di contenimento e dell’introduzione della zona
rossa. In particolare nella fascia 6-10 anni si è passati da 243 a 153 casi (su 100 mila), nella fascia
0-2 anni da 149 a 98 e in quella 3-5 anni da 107 a 103.
«Dobbiamo avere buonsenso ed essere prudenti per non vanificare tutto il sacrificio fatto finora -
conclude il presidente Cirio -. Riportare a scuola tutti gli studenti del Piemonte è una assoluta
priorità. Per cui voglio rassicurare chi giustamente è preoccupato che i nostri figli possano essere
penalizzati da una scuola vissuta a distanza: mi sono già confrontato con il Direttore dell’Ufficio
scolastico regionale e già da lunedì lavoreremo insieme per rimodulare il calendario scolastico
dell’anno in corso e recuperare dalla primavera, cessata l’emergenza, i giorni in presenza che sono
stati persi”.
N.B. In allegato il grafico con la curva del contagio nell’eta scolare.
... Vedi altroVedi di meno

#PIEMONTE IN ZONA ARANCIONE DA DOMANI NEGOZI APERTI DALLE 5 ALLE 22
#Coronavirus: #linee guida della Regione Piemonte per la #riapertura delle #attività economiche e produttive.
... Vedi altroVedi di meno

#PIEMONTE IN ZONA ARANCIONE:
#Coronavirus: #ordinanza n. 131 della Regione Piemonte firmata dal Presidente Alberto Cirio.
... Vedi altroVedi di meno

FALSE TELEFONATE PER CONTO DELL’AOU:
L’OSPEDALE NON CHIEDE MAI SOLDI TELEFONICAMENTE
Sono arrivate diverse segnalazioni all’azienda ospedaliero-universitaria di Novara per telefonate giunte a casa dei parenti ricoverati (veri o inventati) in ospedale. Chi chiamava sosteneva di essere un addetto del Pronto soccorso dell’Aou e chiedeva cifre cospicue (anche diverse migliaia di euro) perché il tal parente, ricoverato in emergenza, ne aveva bisogno. Si tratta, evidentemente, di una variante della cosiddetta “truffa del caro nipote”, una variante dettata proprio dall’emergenza-Covid.
L’azienda ospedaliero-universitaria di Novara ricorda a tutti che nessun proprio addetto in alcun modo effettua simili chiamate: l’Aou non chiede mai soldi per telefono.
L’azienda invita quindi tutti coloro che dovessero ricevere simili telefonate ad avvisare le forze dell’ordine.

FALSE TELEFONATE PER CONTO DELL’AOU:
L’OSPEDALE NON CHIEDE MAI SOLDI TELEFONICAMENTE
Sono arrivate diverse segnalazioni all’azienda ospedaliero-universitaria di Novara per telefonate giunte a casa dei parenti ricoverati (veri o inventati) in ospedale. Chi chiamava sosteneva di essere un addetto del Pronto soccorso dell’Aou e chiedeva cifre cospicue (anche diverse migliaia di euro) perché il tal parente, ricoverato in emergenza, ne aveva bisogno. Si tratta, evidentemente, di una variante della cosiddetta “truffa del caro nipote”, una variante dettata proprio dall’emergenza-Covid.
L’azienda ospedaliero-universitaria di Novara ricorda a tutti che nessun proprio addetto in alcun modo effettua simili chiamate: l’Aou non chiede mai soldi per telefono.
L’azienda invita quindi tutti coloro che dovessero ricevere simili telefonate ad avvisare le forze dell’ordine.
... Vedi altroVedi di meno

COVID-19: Rapporto del 28-11-2020.
In #ITALIA: +26.323 nuovi casi positivi, +686 vittime, -20 nuovi ricoveri in terapia intensiva, -385 nuovi ricoveri in reparti Covid, +1.820 nuovi casi in isolamento domiciliare e +24.214 pazienti guariti. (225.940Tamponi eseguiti). In #PIEMONTE: + 2.157 nuovi positivi, +98 decessi, -11 nuovi ricoveri in terapia intensiva, - 141 nuovi ricoveri in reparti Covid, - 1.360 casi in isolamento domiciliare,+ 3.571pazienti guariti (+18.434 Tamponi). A #NOVARA: Nellultimo rapporto diramato dallAzienda Ospedaliero Universitaria Maggiore della Carità di Novara, si registrano i seguenti casi positivi al Coronavirus: il numero dei #ricoverati #Covid, grazie anche alle dimissioni di 10 pazienti e il trasferimento di 7 persone in altre strutture, è stabile a 229, di cui: 28 pazienti in #terapiaintensiva, 21 in terapia #subintensiva, 142 nei #repartiCovid , 12 nel reparto di #malattieinfettive, 26 nel reparto Covid dell’#OspedaleSanRocco di #Galliate e 3 #decessi per Covid-19, (2 uomini del 1940 e 1957 e 1 donna del 1936).
In Piemonte, secondo i dati diffusi nellaggiornamento odierno dallUnità di Crisi della Regione, le persone risultate #Covidpositive nelle ultime 24 ore sono 164.310 (+2.157), di cui 12.581 (+168) nella #provincia #novarese (ancora in aumento nelle ultime 24 ore). Il Piemonte è al quinto posto tra le prime 5 regioni più colpite d’Italia con + 2.157 casi, prima regione la Lombardia con + 4.615 casi, secondo il Veneto con +3.498 casi, terza la Campania con + 2.729 casi e quarta l’Emilia Romagna con 2.172 casi; in aumento la curva dei contagi da Coronavirus, i tamponi effettuati, sono + 18.434; sono 2.157 i positivi, 98 i decessi, 384 (-11i ricoverati in terapia intensiva, 4.781 (-141) i ricoverati in subintensiva e nei reparti Covid, le persone in isolamento domiciliare sono 70.912 (-1.360), i guariti sono 82.163 (+3.571).
A #livellonazionale i dati comunicati dal Ministero della Salute evidenziano che l’incremento nazionale dei casi oggi è +1,71 (ieri +1,88%), 11.65% lincidenza del numero di persone risultate positive rispetto al numero complessivo di tamponi effettuati nelle ultime 24 ore (ieri era il 12,72%) e che le persone positive al #Coronavirus nelle ultime 24 ore sono +26.323 rispetto ai 28.352 di ieri, a fronte di un lievissimo aumento dei #tamponi eseguiti, sono stati infatti 225.940 contro i 222.803 di ieri (+3.137).
Il #numerocomplessivo dei #contagiati, comprese vittime e guariti, sale a 1.564.532 contro i 1.538.217 di ieri (+ 26.323). In diminuzione il numero delle #vittime nelle ultime 24 ore: si registrano 686 morti, ieri erano 827 e portano il totale delle vittime a 54.363. In discesa anche il numero dei ricoveri nei reparti degli ospedali per il Covid 19. Dai dati del Ministero della Salute emerge che ci sono  789.308 ieri erano 787.893 (+1.415) attualmente positivi: di cui 33.299 ieri erano 35.467, (-385) #ricoverati con #sintomi nei reparti ordinari, il numero dei ricoverati nelle #terapieintensive che sono 3.762 ieri erano 3.782 (-20 rispetto a ieri) e 752.247 persone contro i 750.427 di ieri (+1.820) si trovano in #isolamento #domiciliare . Il totale dei #dimessi e dei #guariti dallinizio dellemergenza sale invece a 720.861, con un incremento rispetto a ieri che i casi erano 696.647 (24.214)

COVID-19: Rapporto del 28-11-2020.
In #ITALIA: +26.323 nuovi casi positivi, +686 vittime, -20 nuovi ricoveri in terapia intensiva, -385 nuovi ricoveri in reparti Covid, +1.820 nuovi casi in isolamento domiciliare e +24.214 pazienti guariti. (225.940Tamponi eseguiti). In #PIEMONTE: + 2.157 nuovi positivi, +98 decessi, -11 nuovi ricoveri in terapia intensiva, - 141 nuovi ricoveri in reparti Covid, - 1.360 casi in isolamento domiciliare,+ 3.571pazienti guariti (+18.434 Tamponi). A #NOVARA: Nell'ultimo rapporto diramato dall'Azienda Ospedaliero Universitaria Maggiore della Carità di Novara, si registrano i seguenti casi positivi al Coronavirus: il numero dei #ricoverati #Covid, grazie anche alle dimissioni di 10 pazienti e il trasferimento di 7 persone in altre strutture, è stabile a 229, di cui: 28 pazienti in #terapiaintensiva, 21 in terapia #subintensiva, 142 nei #repartiCovid , 12 nel reparto di #malattieinfettive, 26 nel reparto Covid dell’#OspedaleSanRocco di #Galliate e 3 #decessi per Covid-19, (2 uomini del 1940 e 1957 e 1 donna del 1936).
In Piemonte, secondo i dati diffusi nell'aggiornamento odierno dall'Unità di Crisi della Regione, le persone risultate #Covidpositive nelle ultime 24 ore sono 164.310 (+2.157), di cui 12.581 (+168) nella #provincia #novarese (ancora in aumento nelle ultime 24 ore). Il Piemonte è al quinto posto tra le prime 5 regioni più colpite d’Italia con + 2.157 casi, prima regione la Lombardia con + 4.615 casi, secondo il Veneto con +3.498 casi, terza la Campania con + 2.729 casi e quarta l’Emilia Romagna con 2.172 casi; in aumento la curva dei contagi da Coronavirus, i tamponi effettuati, sono + 18.434; sono 2.157 i positivi, 98 i decessi, 384 (-11i ricoverati in terapia intensiva, 4.781 (-141) i ricoverati in subintensiva e nei reparti Covid, le persone in isolamento domiciliare sono 70.912 (-1.360), i guariti sono 82.163 (+3.571).
A #livellonazionale i dati comunicati dal Ministero della Salute evidenziano che l’incremento nazionale dei casi oggi è +1,71 (ieri +1,88%), 11.65% l'incidenza del numero di persone risultate positive rispetto al numero complessivo di tamponi effettuati nelle ultime 24 ore (ieri era il 12,72%) e che le persone positive al #Coronavirus nelle ultime 24 ore sono +26.323 rispetto ai 28.352 di ieri, a fronte di un lievissimo aumento dei #tamponi eseguiti, sono stati infatti 225.940 contro i 222.803 di ieri (+3.137).
Il #numerocomplessivo dei #contagiati, comprese vittime e guariti, sale a 1.564.532 contro i 1.538.217 di ieri (+ 26.323). In diminuzione il numero delle #vittime nelle ultime 24 ore: si registrano 686 morti, ieri erano 827 e portano il totale delle vittime a 54.363. In discesa anche il numero dei ricoveri nei reparti degli ospedali per il Covid 19. Dai dati del Ministero della Salute emerge che ci sono 789.308 ieri erano 787.893 (+1.415) attualmente positivi: di cui 33.299 ieri erano 35.467, (-385) #ricoverati con #sintomi nei reparti ordinari, il numero dei ricoverati nelle #terapieintensive che sono 3.762 ieri erano 3.782 (-20 rispetto a ieri) e 752.247 persone contro i 750.427 di ieri (+1.820) si trovano in #isolamento #domiciliare . Il totale dei #dimessi e dei #guariti dall'inizio dell'emergenza sale invece a 720.861, con un incremento rispetto a ieri che i casi erano 696.647 (24.214)
... Vedi altroVedi di meno

Commenta su Facebook

#CORONAVIRUS #PIEMONTE: IL BOLLETTINO DELLE ORE 17.30 DEL 28 NOVEMBRE 2020 LA SITUAZIONE DEI CONTAGI Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato 2.157 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 in Piemonte, pari all’11,7% dei 18.434 tamponi eseguiti; gli asintomatici sono 879 (41%). I casi sono così ripartiti: 576 screening, 959 contatti di caso, 622 con indagine in corso; per ambito: 433 RSA/Strutture Socio-Assistenziali, 106 scolastico, 1.618 popolazione generale. Il totale dei casi positivi diventa quindi 164.310, così suddivisi su base provinciale: 14.070 Alessandria, 7.586 Asti, 5.724 Biella, 22.607 Cuneo, 12.581 Novara, 87.698 Torino, 6.270 Vercelli, 5.360 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 921 residenti fuori regione ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 1.493 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. I ricoverati in terapia intensiva sono 384 (-11 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 4.781 (-141 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 70.912. I tamponi diagnostici finora processati sono 1.532.290 (+18.434 rispetto a ieri), di cui 786.035 risultati negativi. I DECESSI DIVENTANO 6.070 Sono 98 i decessi di persone positive al test del Covid-19 comunicati dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte, di cui 11 verificatisi oggi (si ricorda che il dato di aggiornamento cumulativo comunicato giornalmente comprende anche decessi avvenuti nei giorni precedenti e solo successivamente accertati come decessi Covid). Il totale è ora 6.070 deceduti risultati positivi al virus, così suddivisi per provincia: 921 Alessandria, 356 Asti, 281 Biella, 670 Cuneo, 543 Novara, 2.744 Torino, 304 Vercelli, 189 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 62 residenti fuori regione ma deceduti in Piemonte. 82.163 PAZIENTI GUARITI Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti guariti sono complessivamente 82.163 (+3.571 rispetto a ieri) così suddivisi su base provinciale: Alessandria 6.529, Asti 4.045, Biella 2.527, Cuneo 9.802, Novara 5.452, Torino 47.381, Vercelli 3.088, Verbano-Cusio-Ossola 2.433, oltre a 448 extraregione e 458 in fase di definizione.

PIEMONTE E LOMBARDIA - IN ZONA ARANCIONE DAL 29 NOVEMBRE.
Il ministro della Salute, Roberto Speranza, firmerà una nuova ordinanza con cui dispone larea arancione per le Regioni Calabria, Lombardia e Piemonte e larea gialla per le Regioni Liguria e Sicilia. Lordinanza entrerà in vigore dal 29 novembre. Si attende il Dpcm per il Natale, ma si prevede che il coprifuoco resterà alle 22.

PIEMONTE E LOMBARDIA - IN ZONA ARANCIONE DAL 29 NOVEMBRE.
Il ministro della Salute, Roberto Speranza, firmerà una nuova ordinanza con cui dispone l'area arancione per le Regioni Calabria, Lombardia e Piemonte e l'area gialla per le Regioni Liguria e Sicilia. L'ordinanza entrerà in vigore dal 29 novembre. Si attende il Dpcm per il Natale, ma si prevede che il coprifuoco resterà alle 22.
... Vedi altroVedi di meno

COVID-19: Rapporto del 27-11-2020.
In #ITALIA: +28.352 nuovi casi positivi, +827 vittime, -64 nuovi ricoveri in terapia intensiva, -354 nuovi ricoveri in reparti Covid, -7.534 nuovi casi in isolamento domiciliare e +35.467 pazienti guariti. (222.803 Tamponi eseguiti). In #PIEMONTE: +3.149 nuovi positivi, +97 decessi, -8 nuovi ricoveri in terapia intensiva, - 70 nuovi ricoveri in reparti Covid, -739 casi in isolamento domiciliare, + 3.869 pazienti guariti (+23.141Tamponi). A #NOVARA: Nellultimo rapporto diramato dallAzienda Ospedaliero Universitaria Maggiore della Carità di Novara, si registrano i seguenti casi positivi al Coronavirus: il numero dei #ricoverati #Covid, grazie anche alle dimissioni di 10 pazienti e il trasferimento di 7 persone in altre strutture, è stabile a 225, di cui: 27 pazienti in #terapiaintensiva, 21 in terapia #subintensiva, 141 nei #repartiCovid , 11 nel reparto di #malattieinfettive, 28 nel reparto Covid dell’#OspedaleSanRocco di #Galliate e 4 #decessi per Covid-19, tre uomini (del 1944, 1945 e 1953) e una donna del 1943.
In Piemonte, secondo i dati diffusi nellaggiornamento odierno dallUnità di Crisi della Regione, le persone risultate #Covidpositive nelle ultime 24 ore sono 162.153 (+3.149 ), di cui 12.413 (+336) nella #provincia #novarese (ancora in aumento nelle ultime 24 ore). Il Piemonte è al terzo posto tra le prime 5 regioni più colpite d’Italia con + 3.149  casi, prima regione la Lombardia con + 5.389 casi, secondo il Veneto con +3.418 casi, quarta la Campania con + 2.924 casi e quinto il Lazio con 2.276 casi; in aumento la curva dei contagi da Coronavirus, i tamponi effettuati, sono + 23.141; sono 3.149 i positivi, 97 i decessi, 395(- 8) i ricoverati in terapia intensiva, 4.992 (- 103) i ricoverati in subintensiva e nei reparti Covid, le persone in isolamento domiciliare sono 72.272 (-739), i guariti sono 78.592 (+ 3.869).
A #livellonazionale i dati comunicati dal Ministero della Salute evidenziano che l’incremento nazionale dei casi oggi è +1,88 (ieri +1,96%), 12,72% lincidenza del numero di persone risultate positive rispetto al numero complessivo di tamponi effettuati nelle ultime 24 ore (ieri era il 12,46%) e che le persone positive al #Coronavirus nelle ultime 24 ore sono +28.352 rispetto ai 29.003 di ieri, a fronte di una diminuzione dei #tamponi eseguiti, sono stati infatti 222.803 contro i 232.711 di ieri (-9.908 ).
Il #numerocomplessivo dei #contagiati, comprese vittime e guariti, sale a 1.538.217 contro i 1.509.875 di ieri (+ 28.352). In risalita il numero delle #vittime nelle ultime 24 ore: si registrano 827 morti, ieri erano 822 e portano il totale delle vittime a 53.467. In discesa anche il numero dei ricoveri nei reparti degli ospedali per il Covid 19. Dai dati del Ministero della Salute emerge che ci sono 787.893 ieri erano 795.845 (-7.952) attualmente positivi: di cui 35.467 ieri erano 34.038, (-354) #ricoverati con #sintomi nei reparti ordinari, il numero dei ricoverati nelle #terapieintensive che sono 3.782 ieri erano 3.846 (-64 rispetto a ieri) e 750.427  persone contro i 758.379 di ieri (-7.952) si trovano in #isolamento #domiciliare . Il totale dei #dimessi e dei #guariti dallinizio dellemergenza sale invece a 696.647, con un incremento rispetto a ieri che i casi erano 661.189 (+35.467)

COVID-19: Rapporto del 27-11-2020.
In #ITALIA: +28.352 nuovi casi positivi, +827 vittime, -64 nuovi ricoveri in terapia intensiva, -354 nuovi ricoveri in reparti Covid, -7.534 nuovi casi in isolamento domiciliare e +35.467 pazienti guariti. (222.803 Tamponi eseguiti). In #PIEMONTE: +3.149 nuovi positivi, +97 decessi, -8 nuovi ricoveri in terapia intensiva, - 70 nuovi ricoveri in reparti Covid, -739 casi in isolamento domiciliare, + 3.869 pazienti guariti (+23.141Tamponi). A #NOVARA: Nell'ultimo rapporto diramato dall'Azienda Ospedaliero Universitaria Maggiore della Carità di Novara, si registrano i seguenti casi positivi al Coronavirus: il numero dei #ricoverati #Covid, grazie anche alle dimissioni di 10 pazienti e il trasferimento di 7 persone in altre strutture, è stabile a 225, di cui: 27 pazienti in #terapiaintensiva, 21 in terapia #subintensiva, 141 nei #repartiCovid , 11 nel reparto di #malattieinfettive, 28 nel reparto Covid dell’#OspedaleSanRocco di #Galliate e 4 #decessi per Covid-19, tre uomini (del 1944, 1945 e 1953) e una donna del 1943.
In Piemonte, secondo i dati diffusi nell'aggiornamento odierno dall'Unità di Crisi della Regione, le persone risultate #Covidpositive nelle ultime 24 ore sono 162.153 (+3.149 ), di cui 12.413 (+336) nella #provincia #novarese (ancora in aumento nelle ultime 24 ore). Il Piemonte è al terzo posto tra le prime 5 regioni più colpite d’Italia con + 3.149 casi, prima regione la Lombardia con + 5.389 casi, secondo il Veneto con +3.418 casi, quarta la Campania con + 2.924 casi e quinto il Lazio con 2.276 casi; in aumento la curva dei contagi da Coronavirus, i tamponi effettuati, sono + 23.141; sono 3.149 i positivi, 97 i decessi, 395(- 8) i ricoverati in terapia intensiva, 4.992 (- 103) i ricoverati in subintensiva e nei reparti Covid, le persone in isolamento domiciliare sono 72.272 (-739), i guariti sono 78.592 (+ 3.869).
A #livellonazionale i dati comunicati dal Ministero della Salute evidenziano che l’incremento nazionale dei casi oggi è +1,88 (ieri +1,96%), 12,72% l'incidenza del numero di persone risultate positive rispetto al numero complessivo di tamponi effettuati nelle ultime 24 ore (ieri era il 12,46%) e che le persone positive al #Coronavirus nelle ultime 24 ore sono +28.352 rispetto ai 29.003 di ieri, a fronte di una diminuzione dei #tamponi eseguiti, sono stati infatti 222.803 contro i 232.711 di ieri (-9.908 ).
Il #numerocomplessivo dei #contagiati, comprese vittime e guariti, sale a 1.538.217 contro i 1.509.875 di ieri (+ 28.352). In risalita il numero delle #vittime nelle ultime 24 ore: si registrano 827 morti, ieri erano 822 e portano il totale delle vittime a 53.467. In discesa anche il numero dei ricoveri nei reparti degli ospedali per il Covid 19. Dai dati del Ministero della Salute emerge che ci sono 787.893 ieri erano 795.845 (-7.952) attualmente positivi: di cui 35.467 ieri erano 34.038, (-354) #ricoverati con #sintomi nei reparti ordinari, il numero dei ricoverati nelle #terapieintensive che sono 3.782 ieri erano 3.846 (-64 rispetto a ieri) e 750.427 persone contro i 758.379 di ieri (-7.952) si trovano in #isolamento #domiciliare . Il totale dei #dimessi e dei #guariti dall'inizio dell'emergenza sale invece a 696.647, con un incremento rispetto a ieri che i casi erano 661.189 (+35.467)
... Vedi altroVedi di meno

Commenta su Facebook

CORONAVIRUS PIEMONTE: IL BOLLETTINO DELLE ORE 17 LA SITUAZIONE DEI CONTAGI Oggi l’Unità di crisi della Regione Piemonte ha comunicato nuovi 3.149 casi di persone risultate positive al Covid-19 in Piemonte, pari al 13,6% dei 23.141 tamponi eseguiti. Di questi 1.263 (40,1%), sono asintomatici. I casi sono così ripartiti: 665 screening, 1.430 contatti di caso, 1.054 con indagine in corso; per ambito: 397 RSA/Strutture Socio-Assistenziali, 162 scolastico, 2590 popolazione generale. Il totale dei casi positivi diventa quindi 162.153, così suddivisi su base provinciale: 13.887 Alessandria, 7.486 Asti, 5.632 Biella, 22.188 Cuneo, 12.413 Novara, 86.647 Torino, 6.196 Vercelli, 5.324 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 911 residenti fuori regione, ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 1.469 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. I ricoverati in terapia intensiva sono 395(- 8 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 4.922 (- 70 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 72.272 I tamponi diagnostici finora processati sono 1.513.586 (+ 23.141 rispetto a ieri), di cui 780.306 risultati negativi. I DECESSI DIVENTANO 5.972 Sono 97 i decessi di persone positive al test del Covid-19 comunicati dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte, di cui 6 verificatisi oggi (si ricorda che il dato di aggiornamento cumulativo comunicato giornalmente comprende anche decessi avvenuti nei giorni precedenti e solo successivamente accertati come decessi Covid). Il totale è ora 5.972 deceduti risultati positivi al virus, così suddivisi per provincia: 915 Alessandria, 349 Asti, 273 Biella, 655 Cuneo, 541 Novara, 2.700 Torino, 292 Vercelli, 185 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 62 residenti fuori regione, ma deceduti in Piemonte. 78.592 PAZIENTI GUARITI Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti guariti sono complessivamente 78.592 (+ 3.869 rispetto a ieri) così suddivisi su base provinciale: Alessandria 6.340, Asti 3.758, Biella 2.422, Cuneo 9.262, Novara 5.343, Torino 45.296, Vercelli 2.963, Verbano-Cusio-Ossola 2.333, oltre a 436 extraregione e 439 in fase di definizione. In allegato la tabella riassuntiva dei dati al 27 novembre.

#TeatroCoccia: CASSANDRA, IN TE DORMIVA UN SOGNO

L’opera commissionata e prodotta del teatro novarese, scritta da Marco Podda, su libretto di Daniele Salvo e Giulia Diomede. Regia di Daniele Salvo

Lo spettacolo sarà programmato in streaming con la regia video di Roberto Recchia, con Enrico Omodeo Salè:
🔹Sabato 28 e Domenica 29 Novembre alle 20.30 sul Canale YouTube del Teatro.
Fondazione Teatro Coccia
🔸Venerdì 11 Dicembre sul canale A-Novara, inserito nel cartellone #LaCulturaèEssenziale del Comune di Novara

A partire dal 29 Novembre il Teatro Coccia si trasforma in un grande #set #cinematografico per la partenza delle riprese del #film #Cassandra.
... Vedi altroVedi di meno

SALVIAMO AHMAD DALLA PENA DI MORTE

Stasera, Giovedì 26 novembre alle ore 18, davanti alla sede municipale, in via Rosselli 1, si è svolto un #sit in a seguito della notizia del #trasferimento in isolamento, in vista dell‘imminente esecuzione, del ricercatore irano-svedese in Medicina dei disastri #Ahmadreza #Djalali.

Alessandro Canelli: Usiamo tutti i mezzi per mettere al centro dell’attenzione nel nostro Paese questa terribile vicenda. Spero ci siano gli spazi per agire. Ricordiamoci che stanno per giustiziare un cittadino novarese che ha sviluppato con il suo lavoro e la sua attività relazioni importanti con la nostra città. Chi di dovere si mobiliti nel più breve tempo possibile per risolvere la questione. Il ringraziamento va ad Amnesty per aver organizzato questo momento di mobilitazione e di solidarietà la cui eco speriamo possa arrivare a salvare Ahmad”
Comune di Novara
... Vedi altroVedi di meno

PIEMONTE - #Coronavirus: il #Piemonte si prepara a diventare, dalla metà della prossima settimana, #zonaarancione. .

PIEMONTE - #Coronavirus: il #Piemonte si prepara a diventare, dalla metà della prossima settimana, #zonaarancione. <<Si è da poco conclusa - spiega il presidente della Provincia di Novara Federico Binatti - la riunione con il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio alla quale hanno partecipato i #presidenti delle #Province, i Prefetti, i #sindaci dei #Comunicapoluogodiprovicia, i rappresentanti della Città Metropolitana di Torino, di ANCI Piemonte e di Uncem Piemonte. Con la zona arancione pernarranno alcuni #divieti, come lo spostamento tra Comuni e regioni, restrizioni come il #coprifuoco dalle 22 alle 5 e #chiusure per bar e ristoranti, centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi, musei e mostre, palestre e piscine, #riduzione del trasporto pubblico al 50%. Saranno #riaperti i centri sportivi per lo svolgimento dell'attività individuale, i centri estetici e i servizi alla persona e tutti i negozi. Si verso la #didatticaadistanza solo per le Scuole secondarie di secondo grado. Attendiamo le #lineeguida definitive, che provvederemo a diffondere, per commercio al dettaglio, outlet, centri commerciali, mercati e servizi alla persona>>.#Coronavirus: il #Piemonte si prepara a diventare, dalla metà della prossima settimana, #zonaarancione. <>. ... Vedi altroVedi di meno

Commenta su Facebook

Almeno potevano farci muovere almeno all'interno della provincia 😢 con tutte le regole da seguire e così si vedeva come andava...e un pochino l'economia ripartiva aprendo un po' tutti con orari anche ridotti. Ci mettevano alla prova almeno...ok niente pranzi di famiglia x evitare anche baci e abbracci... Non chiediamo molto solo un pochino di libertà.

Praticamente non cambia nulla!!!

Il Piemonte è Zona Rossa e non penso che diventerà Arancione. Decide il governo, la Regione non conta Nulla.

Esatto non cambia nulla

Praticamente come.prima

View more comments

COVID-19: Rapporto del 26-11-2020.
In #ITALIA: +29.003 nuovi casi positivi, +822 vittime, -2 nuovi ricoveri in terapia intensiva, -275 nuovi ricoveri in reparti Covid, +4.425 nuovi casi in isolamento domiciliare e +24.031 pazienti guariti. ( 232.711 Tamponi eseguiti). In #PIEMONTE: +2.751 nuovi positivi, +72 decessi, +0 nuovi ricoveri in terapia intensiva, - 103 nuovi ricoveri in reparti Covid, + 588 casi in isolamento domiciliare, +2.194 pazienti guariti. (+22.418 Tamponi).A #NOVARA: Nellultimo rapporto diramato dallAzienda Ospedaliero Universitaria Maggiore della Carità di Novara, si registrano i seguenti casi positivi al Coronavirus: il numero dei #ricoverati #Covid, grazie anche alle dimissioni di 6 pazienti e il trasferimento di 8 persone in altre strutture, è sceso a 225, di cui: 27 pazienti in #terapiaintensiva, 22 in terapia #subintensiva, 138 nei #repartiCovid , 11 nel reparto di #malattieinfettive, 27 nel reparto Covid dell’#OspedaleSanRocco di #Galliate e 3 #decessi per Covid-19, due uomini (1932 e 1947) e una donna (1942).
In Piemonte, secondo i dati diffusi nellaggiornamento odierno dallUnità di Crisi della Regione, le persone risultate #Covidpositive nelle ultime 24 ore sono 159.004 (+2.751), di cui 12.077 11.855 (+222) nella #provincia #novarese (ancora in aumento nelle ultime 24 ore). Il Piemonte è al quarto posto tra le prime 5 regioni più colpite d’Italia con + 2.751 casi, prima regione la Lombardia con + 5.697 casi, secondo il Veneto con +3.980 casi, terza la Campania con +3.008 casi e quinto il Lazio con 2.260 casi; in lieve discesa la curva dei contagi da Coronavirus, i tamponi effettuati, sono + 22.418; sono 2.751 i positivi, 72 i decessi, 403 (+0) i ricoverati in terapia intensiva, 4.992 (- 103) i ricoverati in subintensiva e nei reparti Covid, le persone in isolamento domiciliare sono 73.011 (+588), i guariti sono 74.723 (+ 2194).
A #livellonazionale i dati comunicati dal Ministero della Salute evidenziano che l’incremento nazionale dei casi oggi è +1,96 (ieri +1,78 %), 12,46% lincidenza del numero di persone risultate positive rispetto al numero complessivo di tamponi effettuati nelle ultime 24 ore (ieri era il 11.24%) e che le persone positive al #Coronavirus nelle ultime 24 ore sono 29.003+ rispetto ai 25.853 di ieri, a fronte di un aumento dei #tamponi eseguiti, sono stati infatti  232.711 contro i 230.007 di ieri (+ 2.704 ).
Il #numerocomplessivo dei #contagiati, comprese vittime e guariti, sale a  1.509.875 contro i 1.480.874 di ieri (+ 29.003). In risalita il numero delle #vittime nelle ultime 24 ore: si registrano 822 morti, ieri erano 722 e portano il totale delle vittime a 52.850. In discesa anche il numero dei ricoveri nei reparti degli ospedali per il Covid 19. Dai dati del Ministero della Salute emerge che ci sono 795.845 ieri erano 791.697 (+4.148) attualmente positivi: di cui 34.038 ieri erano 34.313,(-275)#ricoverati con #sintomi nei reparti ordinari, il numero dei ricoverati nelle #terapieintensive che sono 3.846 ieri erano 3.848 (-2  rispetto a ieri) e 757.961 persone contro i 753.536 di ieri (+4.425) si trovano in #isolamento #domiciliare . Il totale dei #dimessi e dei #guariti dallinizio dellemergenza sale invece a    661.180, con un incremento rispetto a ieri che i casi erano 637.149 (+ 24.031)

COVID-19: Rapporto del 26-11-2020.
In #ITALIA: +29.003 nuovi casi positivi, +822 vittime, -2 nuovi ricoveri in terapia intensiva, -275 nuovi ricoveri in reparti Covid, +4.425 nuovi casi in isolamento domiciliare e +24.031 pazienti guariti. ( 232.711 Tamponi eseguiti). In #PIEMONTE: +2.751 nuovi positivi, +72 decessi, +0 nuovi ricoveri in terapia intensiva, - 103 nuovi ricoveri in reparti Covid, + 588 casi in isolamento domiciliare, +2.194 pazienti guariti. (+22.418 Tamponi).A #NOVARA: Nell'ultimo rapporto diramato dall'Azienda Ospedaliero Universitaria Maggiore della Carità di Novara, si registrano i seguenti casi positivi al Coronavirus: il numero dei #ricoverati #Covid, grazie anche alle dimissioni di 6 pazienti e il trasferimento di 8 persone in altre strutture, è sceso a 225, di cui: 27 pazienti in #terapiaintensiva, 22 in terapia #subintensiva, 138 nei #repartiCovid , 11 nel reparto di #malattieinfettive, 27 nel reparto Covid dell’#OspedaleSanRocco di #Galliate e 3 #decessi per Covid-19, due uomini (1932 e 1947) e una donna (1942).
In Piemonte, secondo i dati diffusi nell'aggiornamento odierno dall'Unità di Crisi della Regione, le persone risultate #Covidpositive nelle ultime 24 ore sono 159.004 (+2.751), di cui 12.077 11.855 (+222) nella #provincia #novarese (ancora in aumento nelle ultime 24 ore). Il Piemonte è al quarto posto tra le prime 5 regioni più colpite d’Italia con + 2.751 casi, prima regione la Lombardia con + 5.697 casi, secondo il Veneto con +3.980 casi, terza la Campania con +3.008 casi e quinto il Lazio con 2.260 casi; in lieve discesa la curva dei contagi da Coronavirus, i tamponi effettuati, sono + 22.418; sono 2.751 i positivi, 72 i decessi, 403 (+0) i ricoverati in terapia intensiva, 4.992 (- 103) i ricoverati in subintensiva e nei reparti Covid, le persone in isolamento domiciliare sono 73.011 (+588), i guariti sono 74.723 (+ 2194).
A #livellonazionale i dati comunicati dal Ministero della Salute evidenziano che l’incremento nazionale dei casi oggi è +1,96 (ieri +1,78 %), 12,46% l'incidenza del numero di persone risultate positive rispetto al numero complessivo di tamponi effettuati nelle ultime 24 ore (ieri era il 11.24%) e che le persone positive al #Coronavirus nelle ultime 24 ore sono 29.003+ rispetto ai 25.853 di ieri, a fronte di un aumento dei #tamponi eseguiti, sono stati infatti 232.711 contro i 230.007 di ieri (+ 2.704 ).
Il #numerocomplessivo dei #contagiati, comprese vittime e guariti, sale a 1.509.875 contro i 1.480.874 di ieri (+ 29.003). In risalita il numero delle #vittime nelle ultime 24 ore: si registrano 822 morti, ieri erano 722 e portano il totale delle vittime a 52.850. In discesa anche il numero dei ricoveri nei reparti degli ospedali per il Covid 19. Dai dati del Ministero della Salute emerge che ci sono 795.845 ieri erano 791.697 (+4.148) attualmente positivi: di cui 34.038 ieri erano 34.313,(-275)#ricoverati con #sintomi nei reparti ordinari, il numero dei ricoverati nelle #terapieintensive che sono 3.846 ieri erano 3.848 (-2 rispetto a ieri) e 757.961 persone contro i 753.536 di ieri (+4.425) si trovano in #isolamento #domiciliare . Il totale dei #dimessi e dei #guariti dall'inizio dell'emergenza sale invece a 661.180, con un incremento rispetto a ieri che i casi erano 637.149 (+ 24.031)
... Vedi altroVedi di meno

Commenta su Facebook

CORONAVIRUS PIEMONTE: IL BOLLETTINO DELLE ORE 17 74.723 PAZIENTI GUARITI Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti guariti sono complessivamente 74.723 (+ 2194 rispetto a ieri) così suddivisi su base provinciale: Alessandria 6.243, Asti 3.601, Biella 2.285, Cuneo 8.824, Novara 5.195 Torino 42.759, Vercelli 2.756, Verbano-Cusio-Ossola 2.220 oltre a 418 extraregione e 422 in fase di definizione. I DECESSI DIVENTANO 5.875 Sono 72 i decessi di persone positive al test del Covid-19 comunicati dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte, di cui 6 verificatisi oggi (si ricorda che il dato di aggiornamento cumulativo comunicato giornalmente comprende anche decessi avvenuti nei giorni precedenti e solo successivamente accertati come decessi Covid). Il totale è ora 5.875 deceduti risultati positivi al virus, così suddivisi per provincia: 903 Alessandria, 345 Asti, 271 Biella, 637 Cuneo, 538 Novara, 2.650 Torino, 290 Vercelli, 179 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 62 residenti fuori regione ma deceduti in Piemonte LA SITUAZIONE DEI CONTAGI I casi di persone finora risultate positive al Covid-19 in Piemonte sono 159.004 (+2.751 rispetto a ieri, di cui 1148, il 42%, sono asintomatici). I casi sono così ripartiti: 730 screening, 1.184 contatti di caso, 837 con indagine in corso; per ambito: 379 Rsa/Strutture socio-assistenziali, 154 scolastico, 2218 popolazione generale. La suddivisione complessiva su base provinciale diventa: 13.633 Alessandria, 7.304 Asti, 5.461 Biella, 21.624 Cuneo, 12.077 Novara, 85.474 Torino, 5.888 Vercelli, 5.190 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 899 residenti fuori regione ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 1.454 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. I ricoverati in terapia intensiva sono 403 ( + 0 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 4.992 (- 103 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 73.011 I tamponi diagnostici finora processati sono 1.490.715 (+22.418 rispetto a ieri), di cui 774.361 risultati negativi. In allegato la tabella riassuntiva dei dati al 26 novembre.

Sempre peggio e non è ancora finita.

Appuntamento questa sera alle 20 su #OndaNovaraTV , canali Dtt 611 e 864 (Piemonte - Lombardia e Svizzera Italiana) con "La Novara del Bene", rubrica dedicata alle #Associazioni di #volontariato.
Oggi parliamo della Comunità per Minori Santa Lucia
di via Azario 18 a Novara. Una realtà accanto ai minori da oltre 4 secoli, dall'aprile del 1599, da ben 421 anni!
infoline: 0321-628069
Conduce in studio #MonicaCurino
#LaNovaradelBene
La Novara del Bene
#ComunitàperminoriSantaLucia
Mario Teruggi
... Vedi altroVedi di meno

BUONI SPESA

Buoni spesa per far fronte all’emergenza e proseguire nelle attività, promosse dal Comune di Novara, di sostegno alimentare. 
Tra pochi giorni, sul sito del Comune di Novara, sarà nuovamente disponibile la piattaforma tramite la quale presentare la propria richiesta per ottenere i buoni, mediante la stessa procedura della primavera scorsa: registrazione al portale (se non si è già registrati), accesso alla sezione “buoni spesa”, compilazione dell’autocertificazione e successivo invio telematico. Ogni richiesta sarà seguita dall’ufficio Politiche Sociali e chi rientrerà nei requisiti previsti riceverà una mail di accettazione dall’Ufficio stesso. 
“Questa seconda ondata – spiega l’assessore e vicesindaco Franco Caressa – ha riproposto in modo piuttosto pesante le difficoltà che stanno attraversando alcuni nuclei familiari della nostra città costretti a chiudere la propria attività, ma non solo. Anche dal primo lockdown, molte realtà hanno purtroppo ereditato importanti problematiche sul piano della liquidità; oggi più che mai, con la seconda ondata e con un sistema economico che, di fatto, ha subito un forte stallo, si stanno avvertendo. E crediamo che andrà avanti così anche per i prossimi mesi. Motivo per cui abbiamo ripreso con l’attività di sostegno alimentare per chi si trovasse in difficoltà da una parte con Caritas che continua ad occuparsi delle famiglie già in carico all’associazione, dall’altra con i buoni spesa per i quali abbiamo stabilito requisiti specifici”.

Potranno beneficare dei buoni spesa:
- lavoratori autonomi momentaneamente non in attività a causa del Covid
oppure
- lavoratori dipendenti momentaneamente in difficoltà a causa del Covid
oppure
- disoccupati per cessazione rapporto di lavoro a causa del Copvid
- assenza, all’interno del nucleo familiare,, di altri componenti occupati
- non assegnatari di sostegno pubblico
oppure
- assegnatari, in prima persona o attraverso altri membri della famiglia, di sostegni pubblici che, sommati tra loro, non superino le seguenti soglie:
• 700 euro per nuclei composti max da 2 componenti
• 1000 euro per nuclei composti da tre o più componenti
- con liquidità disponibile dell’intero nucleo non superiore a 5000 euro

I buoni, da 25 euro l’uno, saranno assegnati con le seguenti modalità:
- 75 euro per il primo e unico componente del nucleo familiare
- 50 euro per ogni successivo componente del nucleo familiare fino ad un massimo di 225 euro a famiglia

“L’iniziativa – conclude il Sindaco Alessandro Canelli – sarà ripetuta nel tempo a seconda delle necessità che si presenteranno e dell’andamento del virus da cui dipende anche il trend del sistema economico e sociale della nostra città e non solo. Attendiamo anche i “ristori” che dovrebbero arrivare dal Governo e che sono finalizzati ad aiutare le famiglie: con questi fondi, oltre a quanto già messo in campo, verranno attivate anche iniziative, a cui stiamo già lavorando, di aiuto nel pagamento di affitti e utenze”.

BUONI SPESA

Buoni spesa per far fronte all’emergenza e proseguire nelle attività, promosse dal Comune di Novara, di sostegno alimentare.
Tra pochi giorni, sul sito del Comune di Novara, sarà nuovamente disponibile la piattaforma tramite la quale presentare la propria richiesta per ottenere i buoni, mediante la stessa procedura della primavera scorsa: registrazione al portale (se non si è già registrati), accesso alla sezione “buoni spesa”, compilazione dell’autocertificazione e successivo invio telematico. Ogni richiesta sarà seguita dall’ufficio Politiche Sociali e chi rientrerà nei requisiti previsti riceverà una mail di accettazione dall’Ufficio stesso.
“Questa seconda ondata – spiega l’assessore e vicesindaco Franco Caressa – ha riproposto in modo piuttosto pesante le difficoltà che stanno attraversando alcuni nuclei familiari della nostra città costretti a chiudere la propria attività, ma non solo. Anche dal primo lockdown, molte realtà hanno purtroppo ereditato importanti problematiche sul piano della liquidità; oggi più che mai, con la seconda ondata e con un sistema economico che, di fatto, ha subito un forte stallo, si stanno avvertendo. E crediamo che andrà avanti così anche per i prossimi mesi. Motivo per cui abbiamo ripreso con l’attività di sostegno alimentare per chi si trovasse in difficoltà da una parte con Caritas che continua ad occuparsi delle famiglie già in carico all’associazione, dall’altra con i buoni spesa per i quali abbiamo stabilito requisiti specifici”.

Potranno beneficare dei buoni spesa:
- lavoratori autonomi momentaneamente non in attività a causa del Covid
oppure
- lavoratori dipendenti momentaneamente in difficoltà a causa del Covid
oppure
- disoccupati per cessazione rapporto di lavoro a causa del Copvid
- assenza, all’interno del nucleo familiare,, di altri componenti occupati
- non assegnatari di sostegno pubblico
oppure
- assegnatari, in prima persona o attraverso altri membri della famiglia, di sostegni pubblici che, sommati tra loro, non superino le seguenti soglie:
• 700 euro per nuclei composti max da 2 componenti
• 1000 euro per nuclei composti da tre o più componenti
- con liquidità disponibile dell’intero nucleo non superiore a 5000 euro

I buoni, da 25 euro l’uno, saranno assegnati con le seguenti modalità:
- 75 euro per il primo e unico componente del nucleo familiare
- 50 euro per ogni successivo componente del nucleo familiare fino ad un massimo di 225 euro a famiglia

“L’iniziativa – conclude il Sindaco Alessandro Canelli – sarà ripetuta nel tempo a seconda delle necessità che si presenteranno e dell’andamento del virus da cui dipende anche il trend del sistema economico e sociale della nostra città e non solo. Attendiamo anche i “ristori” che dovrebbero arrivare dal Governo e che sono finalizzati ad aiutare le famiglie: con questi fondi, oltre a quanto già messo in campo, verranno attivate anche iniziative, a cui stiamo già lavorando, di aiuto nel pagamento di affitti e utenze”.
... Vedi altroVedi di meno

Provincia di Novara - #Coronavirus: questa mattina gli uomini del Coordinamento Territoriale del Volontariato di Protezione Civile di Novara hanno consegnato all Azienda Ospedaliero Universitaria Maggiore della Carità di #Novara alcuni #ventilatoripolmonari .Image attachmentImage attachment

Provincia di Novara - #Coronavirus: questa mattina gli uomini del Coordinamento Territoriale del Volontariato di Protezione Civile di Novara hanno consegnato all' Azienda Ospedaliero Universitaria Maggiore della Carità di #Novara alcuni #ventilatoripolmonari <<che saranno impiegati - spiega il consigliere delegato alla #Protezioneciivle della Provincia di Novara Andrea Bricco - nei reparti presso i quali sono ricoverati i #pazienti #Covidpositivi che ne hanno necessità. Ancora una volta l'Amministrazione ringrazia i nostri #volontari per il loro quotidiano impegno>>. ... Vedi altroVedi di meno

Appuntamento questa sera alle 20,00 e in replica alle 23 su #OndaNovaraTV , canali Dtt 611 e 864 (Piemonte - Lombardia e Svizzera Italiana) con "Block Notes - appunti in Onda", rubrica quotidiana dedicata alla #cultura, alle #tradizioni,alla #storia #novarese, al #sociale, all' #economia, agli #eventi e allo #sport.
Oggi parliamo con una cara amica Elia Impaloni di Liberazione e Speranza, del CAV - Centro Antiviolenza di Novara, Elia è una persona schiva, che preferisce spendere il suo tempo per aiutare chi ha davvero bisogno e la ringraziamo per aver accettato di venire a parlarci di questa gravissima situazione, perché la violenza sulle donne non è solo fisica, tanto dolorosa, ma è anche verbale e psicologica e anche queste forme di violenze più subdole sono altrettanto devastanti.
Conduce in studio #EmanuelaFortuna
#BlockNotesAppuntiinOnda
#eliaimpaloni #centroantiviolenzadinovara #LiberazioneeSperanza
#violenzasulledonne #violenza #donne
Mario Teruggi
... Vedi altroVedi di meno

COVID-19: Rapporto del 25-11-2020.
In #ITALIA: +25.853 nuovi casi positivi, +722 vittime, + 32 nuovi ricoveri in terapia intensiva, -264 nuovi ricoveri in reparti Covid, - 6.457 nuovi casi in isolamento domiciliare e +31.819 pazienti guariti. ( 230.007 Tamponi eseguiti). In #PIEMONTE: +2.878 nuovi positivi, +84 decessi, -1 nuovi ricoveri in terapia intensiva, - 21 nuovi ricoveri in reparti Covid, + 868 casi in isolamento domiciliare, +1.845 pazienti guariti. (+21.540 Tamponi). A #NOVARA: Nellultimo rapporto diramato dallAzienda Ospedaliero Universitaria Maggiore della Carità di Novara, si registrano i seguenti casi positivi al Coronavirus: il numero dei #ricoverati #Covid, grazie anche alle dimissioni di 12 pazienti e il trasferimento di 5 persone in altre strutture, è sceso a 230, di cui: 28 pazienti in #terapiaintensiva, 21 in terapia #subintensiva, 137 nei #repartiCovid , 11 nel reparto di #malattieinfettive, 33 nel reparto Covid dell’#OspedaleSanRocco di #Galliate e 5 #decessi per Covid-19, 3 uomini (1937, 1932, 1940)  e 2 donne (1938 e 1929).
In Piemonte, secondo i dati diffusi nellaggiornamento odierno dallUnità di Crisi della Regione, le persone risultate #Covidpositive nelle ultime 24 ore sono 156.253 (+2.878), di cui 11.855 (+240) nella #provincia #novarese (ancora in aumento nelle ultime 24 ore). Il Piemonte è al secondo posto tra le prime 5 regioni più colpite d’Italia con + 2.878 casi, prima regione la Lombardia con + 5.173 casi, terza la Campania con 2.815 casi, quarto il Veneto con + 2.660 casi e quinta l’Emilia Romagna con 2.130 casi; in risalita la curva dei contagi da Coronavirus, i tamponi effettuati, sono + 21.540; sono 2.878 i positivi, 84 i decessi, 403 (-1) i ricoverati in terapia intensiva, 5.095 (- 21) i ricoverati in subintensiva e nei reparti Covid, le persone in isolamento domiciliare sono 72.423 (+868), i guariti sono 72.529 (+ 1.948).
A #livellonazionale i dati comunicati dal Ministero della Salute evidenziano che l’incremento nazionale dei casi oggi è + 1,78 ieri +1,62 %), 11.24 % lincidenza del numero di persone risultate positive rispetto al numero complessivo di tamponi effettuati nelle ultime 24 ore (ieri era il 12,31%) e che le persone positive al #Coronavirus nelle ultime 24 ore sono + 25.853 rispetto ai 23.232 di ieri, a fronte di un aumento dei #tamponi eseguiti, sono stati infatti  230.007 contro i 188.659 di ieri (+ 41.348).
Il #numerocomplessivo dei #contagiati, comprese vittime e guariti, sale a 1.480.874 contro i 1.455.022 di ieri (+ 25.853). In discesa il numero delle #vittime nelle ultime 24 ore: si registrano 722 morti, ieri erano  853 e portano il totale delle vittime a 52.028. In discesa anche il numero dei ricoveri nei reparti degli ospedali per il Covid 19. Dai dati del Ministero della Salute emerge che ci sono 791.697 ieri erano 798.386 (-6.689) attualmente positivi: di cui 34.313 ieri erano 34.577,(-264)#ricoverati con #sintomi nei reparti ordinari, il numero dei ricoverati nelle #terapieintensive che sono 3.848 ieri erano 3.816 (+ 32 rispetto a ieri) e  753.536 persone contro i 759.993 di ieri (-6.457) si trovano in #isolamento #domiciliare . Il totale dei #dimessi e dei #guariti dallinizio dellemergenza sale invece a 637.149 , con un incremento rispetto a ieri che i casi erano 605.330 (+31.819)

.

COVID-19: Rapporto del 25-11-2020.
In #ITALIA: +25.853 nuovi casi positivi, +722 vittime, + 32 nuovi ricoveri in terapia intensiva, -264 nuovi ricoveri in reparti Covid, - 6.457 nuovi casi in isolamento domiciliare e +31.819 pazienti guariti. ( 230.007 Tamponi eseguiti). In #PIEMONTE: +2.878 nuovi positivi, +84 decessi, -1 nuovi ricoveri in terapia intensiva, - 21 nuovi ricoveri in reparti Covid, + 868 casi in isolamento domiciliare, +1.845 pazienti guariti. (+21.540 Tamponi). A #NOVARA: Nell'ultimo rapporto diramato dall'Azienda Ospedaliero Universitaria Maggiore della Carità di Novara, si registrano i seguenti casi positivi al Coronavirus: il numero dei #ricoverati #Covid, grazie anche alle dimissioni di 12 pazienti e il trasferimento di 5 persone in altre strutture, è sceso a 230, di cui: 28 pazienti in #terapiaintensiva, 21 in terapia #subintensiva, 137 nei #repartiCovid , 11 nel reparto di #malattieinfettive, 33 nel reparto Covid dell’#OspedaleSanRocco di #Galliate e 5 #decessi per Covid-19, 3 uomini (1937, 1932, 1940) e 2 donne (1938 e 1929).
In Piemonte, secondo i dati diffusi nell'aggiornamento odierno dall'Unità di Crisi della Regione, le persone risultate #Covidpositive nelle ultime 24 ore sono 156.253 (+2.878), di cui 11.855 (+240) nella #provincia #novarese (ancora in aumento nelle ultime 24 ore). Il Piemonte è al secondo posto tra le prime 5 regioni più colpite d’Italia con + 2.878 casi, prima regione la Lombardia con + 5.173 casi, terza la Campania con 2.815 casi, quarto il Veneto con + 2.660 casi e quinta l’Emilia Romagna con 2.130 casi; in risalita la curva dei contagi da Coronavirus, i tamponi effettuati, sono + 21.540; sono 2.878 i positivi, 84 i decessi, 403 (-1) i ricoverati in terapia intensiva, 5.095 (- 21) i ricoverati in subintensiva e nei reparti Covid, le persone in isolamento domiciliare sono 72.423 (+868), i guariti sono 72.529 (+ 1.948).
A #livellonazionale i dati comunicati dal Ministero della Salute evidenziano che l’incremento nazionale dei casi oggi è + 1,78 ieri +1,62 %), 11.24 % l'incidenza del numero di persone risultate positive rispetto al numero complessivo di tamponi effettuati nelle ultime 24 ore (ieri era il 12,31%) e che le persone positive al #Coronavirus nelle ultime 24 ore sono + 25.853 rispetto ai 23.232 di ieri, a fronte di un aumento dei #tamponi eseguiti, sono stati infatti 230.007 contro i 188.659 di ieri (+ 41.348).
Il #numerocomplessivo dei #contagiati, comprese vittime e guariti, sale a 1.480.874 contro i 1.455.022 di ieri (+ 25.853). In discesa il numero delle #vittime nelle ultime 24 ore: si registrano 722 morti, ieri erano 853 e portano il totale delle vittime a 52.028. In discesa anche il numero dei ricoveri nei reparti degli ospedali per il Covid 19. Dai dati del Ministero della Salute emerge che ci sono 791.697 ieri erano 798.386 (-6.689) attualmente positivi: di cui 34.313 ieri erano 34.577,(-264)#ricoverati con #sintomi nei reparti ordinari, il numero dei ricoverati nelle #terapieintensive che sono 3.848 ieri erano 3.816 (+ 32 rispetto a ieri) e 753.536 persone contro i 759.993 di ieri (-6.457) si trovano in #isolamento #domiciliare . Il totale dei #dimessi e dei #guariti dall'inizio dell'emergenza sale invece a 637.149 , con un incremento rispetto a ieri che i casi erano 605.330 (+31.819)

.
... Vedi altroVedi di meno

Commenta su Facebook

CORONAVIRUS PIEMONTE: IL BOLLETTINO DELLE ORE 17,30 72.529 PAZIENTI GUARITI Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti guariti sono complessivamente 72.529 (+ 1948 rispetto a ieri) così suddivisi su base provinciale: Alessandria 6.193, Asti 3.494, Biella 2.244, Cuneo 8.411, Novara 5.130 Torino 41.432, Vercelli 2.624, Verbano-Cusio-Ossola 2.165 oltre a 414 extraregione e 422 in fase di definizione. I DECESSI DIVENTANO 5.803 Sono 84 i decessi di persone positive al test del Covid-19 comunicati dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte, di cui 7 verificatisi oggi (si ricorda che il dato di aggiornamento cumulativo comunicato giornalmente comprende anche decessi avvenuti nei giorni precedenti e solo successivamente accertati come decessi Covid). Il totale è ora 5.803 deceduti risultati positivi al virus, così suddivisi per provincia: 892 Alessandria, 339 Asti, 271 Biella, 627 Cuneo, 530 Novara, 2.616 Torino, 290 Vercelli, 178 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 60 residenti fuori regione ma deceduti in Piemonte. LA SITUAZIONE DEI CONTAGI I casi di persone finora risultate positive al Covid-19 in Piemonte sono 156.253(+2.878rispetto a ieri, di cui 1211, il 42%, sono asintomatici). I casi sono così ripartiti: 698 screening, 1282 contatti di caso, 898 con indagine in corso; per ambito: 422 Rsa/Strutture socio-assistenziali, 155 scolastico, 2301 popolazione generale. La suddivisione complessiva su base provinciale diventa: 13.402 Alessandria, 7.138 Asti, 5.391 Biella, 21.050 Cuneo, 11.855 Novara, 84.205 Torino, 5.766 Vercelli, 5.115 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 888 residenti fuori regione ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 1.443 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. I ricoverati in terapia intensiva sono 403(-1 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 5.095 (- 21 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 72.423 I tamponi diagnostici finora processati sono 1.468.297 (+21.540 rispetto a ieri), di cui 767.627 risultati negativi. In allegato la tabella riassuntiva dei dati al 25 novembre.

Clicca e guarda - "Spazio Aperto", contenitore multimediale di #informazione, #cultura, #storia, #news e molto altro ancora.
Abbiamo parlato con #MassimoMormile fotografo che ci racconta il suo importante lavoro di mappatura fotografica del canale #Cavour attraverso i territori della #Regione. Un lavoro unico di divulgazione storica fotografica e territoriale. #MassimoMormile spera di poter far diventare il suo grandissimo lavoro un libro fotografico per conservare la memoria del grande lavoro fotografico che ha fatto in questi mesi.
Le nostre telecamere si sono poi dirette da #DonFabrizioMancin e #CarloMigliavacca storico e scrittore che ci raccontano le bellezze della Chiesa di #Lumellogno e un pò di storia del paese.
Servizi a cura di #MariaRosaMarsilio.
Per rimanere aggiornato seguici su #OndaNovaraTV canali del digitale terrestre 611 - 864 (Piemonte - Lombardia - Svizzera italiana)
#spazioaperto #SpazioAperto #OndaNovaraTv
Mary Maria Rosa Marsilio
Mario Teruggi
... Vedi altroVedi di meno

25 NOVEMBRE 2020: GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

Provincia di Novara :IL MONITORAGGIO DEL FENOMENO NEL 2020 NEL TERRITORIO NOVARESE
<<Il 25 Novembre è un giorno simbolico che deve vedere la mobilitazione di tutti e durante la quale ogni realtà territoriale e ogni singolo cittadino si devono sentire impegnati nell’essere contro ogni forma di violenza nei confronti delle donne per una vera cultura di parità>>.
E’ il commento, in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, del consigliere delegato alle Pari opportunità della Provincia di Novara Elena Foti, che ricorda come <<nell’ambito dell’attività di contrasto alla violenza la Provincia, i Comuni e i Consorzi socio-assistenziali hanno istituito una rete di soccorso attraverso due Centri anti-violenza, uno per la zona di Novara e l’altro per la zona nord del territorio - e vari sportelli di ascolto, di accoglienza e di sostegno delle donne e dei figli minori che hanno subito violenza o che si trovano esposti alla minaccia. In particolare l’Ufficio Pari opportunità ha svolto il monitoraggio della situazione all’interno del proprio territorio per avere un quadro più completo rispetto agli ultimi dieci mesi dell’anno in corso. Su tutto il territorio della provincia – prosegue il consigliere - hanno avuto accesso 289 donne, delle quali 183 italiane e le rimanenti straniere di varie nazionalità. La fascia di età maggiormente colpita dal fenomeno della violenza è al di sotto dei 45 anni. Il numero di figli minori coinvolti risulta essere 283. La maggior parte delle donne hanno subito violenza fisica, psicologica ed economica, in alcuni casi stalking, e violenza sessuale. Sul totale di donne vittima di violenza circa 174 hanno presentato denuncia. Ulteriore attenzione è stata rivolta a nove maltrattanti che si sono rivolti ai vari Sportelli per avere un supporto psicologico oppure per essere sostenuti attraverso l’azione di educatori professionali>>.
In occasione del #25novembre il consigliere vuole inoltre <<lanciare un messaggio di unione, di condivisione, di vicinanza e solidarietà a tutte le vittime di un fenomeno che, come dimostrano i dati, non è purtroppo arginato>>.

L’AMORE NON HA SINONIMI - L’AMORE NON LASCIA LIVIDI. Il Comune di Novara, Assessorati alle Pari Opportunità e allo Sport, celebra così la GIORNATA INTERNAZIONALE contro la VIOLENZA SULLE DONNE.
SEGNI, lo spot tutto novarese (artefice è il regista Marco Paracchini) in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne.
Marina Chiarelli
... Vedi altroVedi di meno

COVID-19: Rapporto del 24-11-2020.
In #ITALIA: +23.232 nuovi casi positivi, +853 vittime, +6 nuovi ricoveri in terapia intensiva, -120 nuovi ricoveri in reparti Covid, +1.651 nuovi casi in isolamento domiciliare e +20.837 pazienti guariti. ( 148.945 Tamponi eseguiti). In #PIEMONTE: +2.070 nuovi positivi, +73 decessi, +5 nuovi ricoveri in terapia intensiva, +4 nuovi ricoveri in reparti Covid, +143  casi in isolamento domiciliare, +1.845 pazienti guariti. (+14.536 Tamponi).  A #NOVARA: Nellultimo rapporto diramato dallAzienda Ospedaliero Universitaria Maggiore della Carità di Novara, si registrano i seguenti casi positivi al Coronavirus: il numero dei #ricoverati #Covid, nonostante le dimissioni di 11 pazienti e il trasferimento di 7 persone in altre strutture, è stabile a 236, di cui: 26 pazienti in #terapiaintensiva, 23 in terapia #subintensiva, 141 nei #repartiCovid , 14 nel reparto di #malattieinfettive, 32 nel reparto Covid dell’#OspedaleSanRocco di #Galliate e 5 #decessi per Covid-19, 4 uomini (1934, 1943, 1932 e 1947) e una donna del 1941.
In Piemonte, secondo i dati diffusi nellaggiornamento odierno dallUnità di Crisi della Regione, le persone risultate #Covidpositive nelle ultime 24 ore sono 153.375 (+2.070), di cui 11.615  (+421) nella #provincia #novarese (ancora in aumento nelle ultime 24 ore). Il Piemonte è al quinto posto tra le prime 5 regioni più colpite d’Italia con + 2.070 casi, prima regione la Lombardia con + 4.886 casi, secondo il Lazio con 2.509 casi, terza l’Emilia-Romagna con +2.501 casi, quarto il Veneto con +2.194 casi e quinto il Piemonte con + 2.070 casi; in discesa la curva dei contagi da Coronavirus, i tamponi effettuati, sono + 14.536; sono 2.070 i positivi, 73 i decessi, 404 (+5) i ricoverati in terapia intensiva, 5.116 (+4) i ricoverati in subintensiva e nei reparti Covid, le persone in isolamento domiciliare sono 71.555 (+143), i guariti sono 70.581 (+ 1.845).
A #livellonazionale i dati comunicati dal Ministero della Salute evidenziano che l’incremento nazionale dei casi oggi è + 1,62% (ieri +1,63 %), 12,31% lincidenza del numero di persone risultate positive rispetto al numero complessivo di tamponi effettuati nelle ultime 24 ore (ieri era il 15,39%) e che le persone positive al #Coronavirus nelle ultime 24 ore sono +23.232 rispetto ai 22.930 di ieri, a fronte di un’altra importante diminuzione dei #tamponi eseguiti, sono stati infatti 188.659 contro i 148.945 di ieri (+39.714).
Il #numerocomplessivo dei #contagiati, comprese vittime e guariti, sale a 1.455.022 contro i 1.431.795 di ieri (+ 23.232). In risalita il numero delle #vittime nelle ultime 24 ore: si registrano 853 morti, ieri erano 630 e portano il totale delle vittime a 51.306. Continua ad aumentare anche il numero dei ricoveri nei reparti degli ospedali per il Covid 19. Dai dati del Ministero della Salute emerge che ci sono 798.386 ieri erano 796.849 (+1.537) attualmente positivi: di cui     34.577 ieri erano 34.697, (-120) #ricoverati con #sintomi nei reparti ordinari, il numero dei ricoverati nelle #terapieintensive che sono 3.816 ieri erano 3.810 (+ 6 rispetto a ieri) e 759.993   persone contro i 758.342 di ieri (+1.651) si trovano in #isolamento #domiciliare . Il totale dei #dimessi e dei #guariti dallinizio dellemergenza sale invece a 605.330, con un incremento rispetto a ieri che i casi erano 584.493 (+20.837).

COVID-19: Rapporto del 24-11-2020.
In #ITALIA: +23.232 nuovi casi positivi, +853 vittime, +6 nuovi ricoveri in terapia intensiva, -120 nuovi ricoveri in reparti Covid, +1.651 nuovi casi in isolamento domiciliare e +20.837 pazienti guariti. ( 148.945 Tamponi eseguiti). In #PIEMONTE: +2.070 nuovi positivi, +73 decessi, +5 nuovi ricoveri in terapia intensiva, +4 nuovi ricoveri in reparti Covid, +143 casi in isolamento domiciliare, +1.845 pazienti guariti. (+14.536 Tamponi). A #NOVARA: Nell'ultimo rapporto diramato dall'Azienda Ospedaliero Universitaria Maggiore della Carità di Novara, si registrano i seguenti casi positivi al Coronavirus: il numero dei #ricoverati #Covid, nonostante le dimissioni di 11 pazienti e il trasferimento di 7 persone in altre strutture, è stabile a 236, di cui: 26 pazienti in #terapiaintensiva, 23 in terapia #subintensiva, 141 nei #repartiCovid , 14 nel reparto di #malattieinfettive, 32 nel reparto Covid dell’#OspedaleSanRocco di #Galliate e 5 #decessi per Covid-19, 4 uomini (1934, 1943, 1932 e 1947) e una donna del 1941.
In Piemonte, secondo i dati diffusi nell'aggiornamento odierno dall'Unità di Crisi della Regione, le persone risultate #Covidpositive nelle ultime 24 ore sono 153.375 (+2.070), di cui 11.615 (+421) nella #provincia #novarese (ancora in aumento nelle ultime 24 ore). Il Piemonte è al quinto posto tra le prime 5 regioni più colpite d’Italia con + 2.070 casi, prima regione la Lombardia con + 4.886 casi, secondo il Lazio con 2.509 casi, terza l’Emilia-Romagna con +2.501 casi, quarto il Veneto con +2.194 casi e quinto il Piemonte con + 2.070 casi; in discesa la curva dei contagi da Coronavirus, i tamponi effettuati, sono + 14.536; sono 2.070 i positivi, 73 i decessi, 404 (+5) i ricoverati in terapia intensiva, 5.116 (+4) i ricoverati in subintensiva e nei reparti Covid, le persone in isolamento domiciliare sono 71.555 (+143), i guariti sono 70.581 (+ 1.845).
A #livellonazionale i dati comunicati dal Ministero della Salute evidenziano che l’incremento nazionale dei casi oggi è + 1,62% (ieri +1,63 %), 12,31% l'incidenza del numero di persone risultate positive rispetto al numero complessivo di tamponi effettuati nelle ultime 24 ore (ieri era il 15,39%) e che le persone positive al #Coronavirus nelle ultime 24 ore sono +23.232 rispetto ai 22.930 di ieri, a fronte di un’altra importante diminuzione dei #tamponi eseguiti, sono stati infatti 188.659 contro i 148.945 di ieri (+39.714).
Il #numerocomplessivo dei #contagiati, comprese vittime e guariti, sale a 1.455.022 contro i 1.431.795 di ieri (+ 23.232). In risalita il numero delle #vittime nelle ultime 24 ore: si registrano 853 morti, ieri erano 630 e portano il totale delle vittime a 51.306. Continua ad aumentare anche il numero dei ricoveri nei reparti degli ospedali per il Covid 19. Dai dati del Ministero della Salute emerge che ci sono 798.386 ieri erano 796.849 (+1.537) attualmente positivi: di cui 34.577 ieri erano 34.697, (-120) #ricoverati con #sintomi nei reparti ordinari, il numero dei ricoverati nelle #terapieintensive che sono 3.816 ieri erano 3.810 (+ 6 rispetto a ieri) e 759.993 persone contro i 758.342 di ieri (+1.651) si trovano in #isolamento #domiciliare . Il totale dei #dimessi e dei #guariti dall'inizio dell'emergenza sale invece a 605.330, con un incremento rispetto a ieri che i casi erano 584.493 (+20.837).
... Vedi altroVedi di meno

Commenta su Facebook

CORONAVIRUS PIEMONTE: IL BOLLETTINO DELLE ORE 17 70.581 PAZIENTI GUARITI Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti guariti sono complessivamente 70.581 (+ 1845 rispetto a ieri) così suddivisi su base provinciale: Alessandria 6.143, Asti 3.421, Biella 2.181, Cuneo 7.983, Novara 5.070 Torino 40.418, Vercelli 2.570, Verbano-Cusio-Ossola 2.060, oltre a 377 extraregione e 358 in fase di definizione. I DECESSI DIVENTANO 5.719 Sono 73 i decessi di persone positive al test del Covid-19 comunicati dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte, di cui 7 verificatisi oggi (si ricorda che il dato di aggiornamento cumulativo comunicato giornalmente comprende anche decessi avvenuti nei giorni precedenti e solo successivamente accertati come decessi Covid). Il totale è ora 5.719 deceduti risultati positivi al virus, così suddivisi per provincia: 880 Alessandria, 335 Asti, 266 Biella, 615 Cuneo, 521 Novara, 2.588 Torino, 282 Vercelli, 176 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 56 residenti fuori regione ma deceduti in Piemonte. LA SITUAZIONE DEI CONTAGI I casi di persone finora risultate positive al Covid-19 in Piemonte sono 153.375 (+2.070 rispetto a ieri, di cui 722, il 35%, sono asintomatici). I casi sono così ripartiti: 511 screening, 878 contatti di caso, 681 con indagine in corso; per ambito: 218 Rsa/Strutture socio-assistenziali, 111 scolastico, 1741 popolazione generale. La suddivisione complessiva su base provinciale diventa: 13.115 Alessandria, 7.038 Asti, 5.332 Biella, 20.432 Cuneo, 11.615 Novara, 82.836 Torino, 5.697 Vercelli, 4.982 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 883 residenti fuori regione ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 1.445 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. I ricoverati in terapia intensiva sono 404 (+5 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 5.116 (+4 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 71.555 I tamponi diagnostici finora processati sono 1.446.757 (+14.536 rispetto a ieri), di cui 761.929 risultati negativi. In allegato la tabella riassuntiva dei dati al 24 novembre.

#SCIOPERO GENERALE NAZIONALE
25 novembre 2020

Le Associazioni Sindacali #USI (Unione Sindacale Italiana) e #USBPIScuola (Unione Sindacale di Base Pubblico Impiego Scuola) hanno proclamato sciopero generale nazionale per la giornata di 

MERCOLEDI 25 NOVEMBRE 2020

L’Associazione Sindacale USI ha proclamato lo sciopero di tutto il personale a tempo determinato e indeterminato, con contratti precari e atipici, per tutti i comparti, aree pubbliche (compresa Scuola) e le categorie del lavoro privato e cooperativo;
l’Associazione Sindacale USB PI Scuola ha indetto lo sciopero di tutto il personale docente, ATA, educativo e dirigente a tempo determinato e indeterminato della Scuole in Italia e all’estero.
Allo sciopero generale aderiscono tutti i Sindacati di comparto e di categoria Ministeri – Comparto Stato, Regioni Autonome Locali/Funzioni Pubbliche Locali, Coord. Lav. Sanità, Ente Poste Italiane, Usi- SURF (Scuola, Università, Ricerca e Formazione), Arti e Mestieri Vari – SLAM Usi, Commercio Turismo&Servizi, Metalmeccanici-Industria e Costruzioni, Agricoltura, Cooperative aderenti alla Confederazione Usi.
I servizi erogati dall’ASL di Novara, fatti salvi quelli indispensabili garantiti per legge, in conseguenza di tale sciopero potranno, pertanto, subire interruzioni o ritardi.
Asl Novara

#SCIOPERO GENERALE NAZIONALE
25 novembre 2020

Le Associazioni Sindacali #USI (Unione Sindacale Italiana) e #USBPIScuola (Unione Sindacale di Base Pubblico Impiego Scuola) hanno proclamato sciopero generale nazionale per la giornata di

MERCOLEDI' 25 NOVEMBRE 2020

L’Associazione Sindacale USI ha proclamato lo sciopero di tutto il personale a tempo determinato e indeterminato, con contratti precari e atipici, per tutti i comparti, aree pubbliche (compresa Scuola) e le categorie del lavoro privato e cooperativo;
l’Associazione Sindacale USB PI Scuola ha indetto lo sciopero di tutto il personale docente, ATA, educativo e dirigente a tempo determinato e indeterminato della Scuole in Italia e all’estero.
Allo sciopero generale aderiscono tutti i Sindacati di comparto e di categoria Ministeri – Comparto Stato, Regioni Autonome Locali/Funzioni Pubbliche Locali, Coord. Lav. Sanità, Ente Poste Italiane, Usi- SURF (Scuola, Università, Ricerca e Formazione), Arti e Mestieri Vari – SLAM Usi, Commercio Turismo&Servizi, Metalmeccanici-Industria e Costruzioni, Agricoltura, Cooperative aderenti alla Confederazione Usi.
I servizi erogati dall’ASL di Novara, fatti salvi quelli indispensabili garantiti per legge, in conseguenza di tale sciopero potranno, pertanto, subire interruzioni o ritardi.
Asl Novara
... Vedi altroVedi di meno

PASSERELLA DI VIA BIANDRATE
Mercoledì i lavori di posa

Da mercoledì 25 a venerdì 27 novembre, verranno posate le passerelle per il nuovo ponte ciclopedonale in via Biandrate sul Torrente Agogna. I lavori si svolgeranno tra le 8.30 e le 16.30. 
Al fine di consentire i lavori, in Via Biandrate nel tratto fra l’inizio del ponte sul torrente Agogna provenendo dalla periferia e sino alla rotatoria Via Biandrate/Via Perlasca/Via Porzio Giovanola la circolazione viabile sarà a senso unico di marcia. 
Pertanto i veicoli provenienti dal centro città e diretti verso la periferia non potranno percorrere Via Biandrate nel tratto sopraccitato. 
I veicoli provenienti da Via Biandrate lato Cavalcavia San Martino o da Via Porzio Giovanola e diretti verso San Pietro Mosezzo dovranno seguire le indicazioni verso la Valsesia/San Pietro Mosezzo percorrendo Via Perlasca, Via Valsesia, SP 299 della Valsesia, strada che conduce al Casello di Novara Ovest direzione San Pietro Mosezzo. 
I veicoli provenienti da Via Perlasca e diretti verso San Pietro Mosezzo dovranno seguire le indicazioni verso Vercelli percorrendo Via Porzio Giovanola, Viale Kennedy, Corso Vercelli scegliendo di rientrare su Via Biandrate o da Via Del Gazurlo, o da Via Castello (Casalgiate). 
La ditta durante l’esecuzione dei lavori provvederà a posizionare apposita segnaletica temporanea di cantiere e di indicazione della deviazione da percorrere. 
Comune di Novara

PASSERELLA DI VIA BIANDRATE
Mercoledì i lavori di posa

Da mercoledì 25 a venerdì 27 novembre, verranno posate le passerelle per il nuovo ponte ciclopedonale in via Biandrate sul Torrente Agogna. I lavori si svolgeranno tra le 8.30 e le 16.30.
Al fine di consentire i lavori, in Via Biandrate nel tratto fra l’inizio del ponte sul torrente Agogna provenendo dalla periferia e sino alla rotatoria Via Biandrate/Via Perlasca/Via Porzio Giovanola la circolazione viabile sarà a senso unico di marcia.
Pertanto i veicoli provenienti dal centro città e diretti verso la periferia non potranno percorrere Via Biandrate nel tratto sopraccitato.
I veicoli provenienti da Via Biandrate lato Cavalcavia San Martino o da Via Porzio Giovanola e diretti verso San Pietro Mosezzo dovranno seguire le indicazioni verso la Valsesia/San Pietro Mosezzo percorrendo Via Perlasca, Via Valsesia, SP 299 della Valsesia, strada che conduce al Casello di Novara Ovest direzione San Pietro Mosezzo.
I veicoli provenienti da Via Perlasca e diretti verso San Pietro Mosezzo dovranno seguire le indicazioni verso Vercelli percorrendo Via Porzio Giovanola, Viale Kennedy, Corso Vercelli scegliendo di rientrare su Via Biandrate o da Via Del Gazurlo, o da Via Castello (Casalgiate).
La ditta durante l’esecuzione dei lavori provvederà a posizionare apposita segnaletica temporanea di cantiere e di indicazione della deviazione da percorrere.
Comune di Novara
... Vedi altroVedi di meno

COVID-19: Rapporto del 23-11-2020
In #ITALIA: 22.930 nuovi casi positivi, 630 vittime, 9 nuovi ricoveri in terapia intensiva, 418 nuovi ricoveri in reparti Covid, -9.525 nuovi casi in isolamento domiciliare e 31.395 pazienti guariti. ( 148.945 Tamponi eseguiti). In #PIEMONTE: +1.730 nuovi positivi, 81 decessi, +1 nuovi ricoveri in terapia intensiva, -20 nuovi ricoveri in reparti Covid, -70 casi in isolamento domiciliare, +1.652 i pazienti guariti. (+13.529 Tamponi). A #NOVARA: Nellultimo rapporto diramato dallAzienda Ospedaliero Universitaria Maggiore della Carità di Novara, si registrano i seguenti casi positivi al Coronavirus: il numero dei #ricoverati #Covid, grazie anche alle dimissioni di 9 pazienti e il trasferimento di 9 persone in altre strutture, è sceso a 238, di cui: 24 pazienti in #terapiaintensiva, 22 in terapia #subintensiva, 150 nei #repartiCovid , 12 in Casa di Cura, 30 nel reparto Covid dell’#OspedaleSanRocco di #Galliate e 5 #decessi per Covid-19, due donne del 1931 e del 1933, tre uomini del 1930, 1951, 1931.
In Piemonte, secondo i dati diffusi nellaggiornamento odierno dallUnità di Crisi della Regione, le persone risultate #Covidpositive nelle ultime 24 ore sono 151.305 (+1.730), di cui 11.194 11.508 (+314) nella #provincia #novarese (ancora in aumento nelle ultime 24 ore). Il Piemonte non è più tra le prime 5 regioni più colpite d’Italia con + 1.730 casi, prima regione  la Lombardia con + 5.289 casi, secondo il Veneto con + 2.540 casi, terza l’Emilia-Romagna con +2.347 casi, quarto il Lazio con +2.341 casi e quinta la Campania a + 2.158 casi; in discesa la curva dei contagi da Coronavirus, i tamponi effettuati, sono + 13.529; sono 1.730 i positivi, 81 i decessi, 399 (+1) i ricoverati in terapia intensiva, 5.112 (-20) i ricoverati in subintensiva e nei reparti Covid, le persone in isolamento domiciliare sono 71.412 (-70), i guariti sono 68.736 (+ 1738).
A #livellonazionale i dati comunicati dal Ministero della Salute evidenziano che l’incremento nazionale dei casi oggi è + 1,63% (ieri +2,05 %), 15,39% lincidenza del numero di persone risultate positive rispetto al numero complessivo di tamponi effettuati nelle ultime 24 ore (ieri era il 15,01%) e che le persone positive al #Coronavirus nelle ultime 24 ore sono +22.930 rispetto ai 28.337 di ieri, a fronte di un’altra importante diminuzione dei #tamponi eseguiti, sono stati infatti 148.945 contro i 188.747 di ieri (-38.802).
Il #numerocomplessivo dei #contagiati, comprese vittime e guariti, sale a 1.431.795 contro i 1.408.868 di ieri (+ 22.930). In risalita il numero delle #vittime nelle ultime 24 ore: si registrano 630 morti, ieri erano 562 e portano il totale delle vittime a 50.453. Continua ad aumentare anche il numero dei ricoveri nei reparti degli ospedali per il Covid 19. Dai dati del Ministero della Salute emerge che ci sono 796.849 ieri erano 805.947 (-9.098) attualmente positivi: di cui 34.697 ieri erano 34.279, (+418) #ricoverati con #sintomi nei reparti ordinari, il numero dei ricoverati nelle #terapieintensive che sono 3.810 ieri erano 3.801 (+ 9 rispetto a ieri) e 758.342 persone contro i 767.867 di ieri (-9.525) si trovano in #isolamento #domiciliare . Il totale dei #dimessi e dei #guariti dallinizio dellemergenza sale invece a 584.493, con un incremento rispetto a ieri che i casi erano 553.098 (+ 31.395).

COVID-19: Rapporto del 23-11-2020
In #ITALIA: 22.930 nuovi casi positivi, 630 vittime, 9 nuovi ricoveri in terapia intensiva, 418 nuovi ricoveri in reparti Covid, -9.525 nuovi casi in isolamento domiciliare e 31.395 pazienti guariti. ( 148.945 Tamponi eseguiti). In #PIEMONTE: +1.730 nuovi positivi, 81 decessi, +1 nuovi ricoveri in terapia intensiva, -20 nuovi ricoveri in reparti Covid, -70 casi in isolamento domiciliare, +1.652 i pazienti guariti. (+13.529 Tamponi). A #NOVARA: Nell'ultimo rapporto diramato dall'Azienda Ospedaliero Universitaria Maggiore della Carità di Novara, si registrano i seguenti casi positivi al Coronavirus: il numero dei #ricoverati #Covid, grazie anche alle dimissioni di 9 pazienti e il trasferimento di 9 persone in altre strutture, è sceso a 238, di cui: 24 pazienti in #terapiaintensiva, 22 in terapia #subintensiva, 150 nei #repartiCovid , 12 in Casa di Cura, 30 nel reparto Covid dell’#OspedaleSanRocco di #Galliate e 5 #decessi per Covid-19, due donne del 1931 e del 1933, tre uomini del 1930, 1951, 1931.
In Piemonte, secondo i dati diffusi nell'aggiornamento odierno dall'Unità di Crisi della Regione, le persone risultate #Covidpositive nelle ultime 24 ore sono 151.305 (+1.730), di cui 11.194 11.508 (+314) nella #provincia #novarese (ancora in aumento nelle ultime 24 ore). Il Piemonte non è più tra le prime 5 regioni più colpite d’Italia con + 1.730 casi, prima regione la Lombardia con + 5.289 casi, secondo il Veneto con + 2.540 casi, terza l’Emilia-Romagna con +2.347 casi, quarto il Lazio con +2.341 casi e quinta la Campania a + 2.158 casi; in discesa la curva dei contagi da Coronavirus, i tamponi effettuati, sono + 13.529; sono 1.730 i positivi, 81 i decessi, 399 (+1) i ricoverati in terapia intensiva, 5.112 (-20) i ricoverati in subintensiva e nei reparti Covid, le persone in isolamento domiciliare sono 71.412 (-70), i guariti sono 68.736 (+ 1738).
A #livellonazionale i dati comunicati dal Ministero della Salute evidenziano che l’incremento nazionale dei casi oggi è + 1,63% (ieri +2,05 %), 15,39% l'incidenza del numero di persone risultate positive rispetto al numero complessivo di tamponi effettuati nelle ultime 24 ore (ieri era il 15,01%) e che le persone positive al #Coronavirus nelle ultime 24 ore sono +22.930 rispetto ai 28.337 di ieri, a fronte di un’altra importante diminuzione dei #tamponi eseguiti, sono stati infatti 148.945 contro i 188.747 di ieri (-38.802).
Il #numerocomplessivo dei #contagiati, comprese vittime e guariti, sale a 1.431.795 contro i 1.408.868 di ieri (+ 22.930). In risalita il numero delle #vittime nelle ultime 24 ore: si registrano 630 morti, ieri erano 562 e portano il totale delle vittime a 50.453. Continua ad aumentare anche il numero dei ricoveri nei reparti degli ospedali per il Covid 19. Dai dati del Ministero della Salute emerge che ci sono 796.849 ieri erano 805.947 (-9.098) attualmente positivi: di cui 34.697 ieri erano 34.279, (+418) #ricoverati con #sintomi nei reparti ordinari, il numero dei ricoverati nelle #terapieintensive che sono 3.810 ieri erano 3.801 (+ 9 rispetto a ieri) e 758.342 persone contro i 767.867 di ieri (-9.525) si trovano in #isolamento #domiciliare . Il totale dei #dimessi e dei #guariti dall'inizio dell'emergenza sale invece a 584.493, con un incremento rispetto a ieri che i casi erano 553.098 (+ 31.395).
... Vedi altroVedi di meno

Commenta su Facebook

CORONAVIRUS PIEMONTE: IL BOLLETTINO DELLE ORE 17 68.736 PAZIENTI GUARITI Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti guariti sono complessivamente 68.736 (+ 1738 rispetto a ieri) così suddivisi su base provinciale: Alessandria 6021, Asti 3.294, Biella 2.126, Cuneo 7.727, Novara 5.020 Torino 39.311, Vercelli 2.547, Verbano-Cusio-Ossola 1.963, oltre a 377 extraregione e 350 in fase di definizione. I DECESSI DIVENTANO 5.646 Sono 81 i decessi di persone positive al test del Covid-19 comunicati dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte, di cui 10 verificatisi oggi (si ricorda che il dato di aggiornamento cumulativo comunicato giornalmente comprende anche decessi avvenuti nei giorni precedenti e solo successivamente accertati come decessi Covid). Il totale è ora 5.646 deceduti risultati positivi al virus, così suddivisi per provincia: 862 Alessandria, 332 Asti, 266 Biella, 605 Cuneo, 516 Novara, 2.553 Torino, 282 Vercelli, 174 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 56 residenti fuori regione ma deceduti in Piemonte. LA SITUAZIONE DEI CONTAGI I casi di persone finora risultate positive al Covid-19 in Piemonte sono 151.305 (+1.730 rispetto a ieri, di cui 610, il 35%, sono asintomatici). I casi sono così ripartiti: 457 screening, 680 contatti di caso, 593 con indagine in corso; per ambito: 162 Rsa/Strutture socio-assistenziali, 100 scolastico, 1468 popolazione generale. La suddivisione complessiva su base provinciale diventa: 13.030 Alessandria, 6.934 Asti, 5.286 Biella, 19.920 Cuneo, 11.508 Novara, 81.759 Torino, 5.643 Vercelli, 4.919 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 872 residenti fuori regione ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 1.434 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. I ricoverati in terapia intensiva sono 399 (+1 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 5.112 (-20 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 71.412 I tamponi diagnostici finora processati sono 1.432.221 (+13.529 rispetto a ieri), di cui 755.717 risultati negativi. In allegato la tabella riassuntiva dei dati al 23 novembre.

SALUTEPIEMONTE.IT: GRANDE OPPORTUNITÀ DI ACCESSO AI SERVIZI 

L’Assessore #Icardi con l’#AslNo, l’#AslVCO e l’ #AouMaggioredellaCarità di #Novara per illustrarne le caratteristiche della piattaforma della Sanità digitale del Piemonte 

Si chiama www.salutepiemonte.it il nuovo portale con il quale la #Regione intende far interagire sempre più i cittadini in via telematica con il sistema sanitario. Sono così accessibili in digitale ricette mediche, prenotazioni, referti, e in generale tutti i servizi che possono attualmente essere ottenuti tramite i call center.
L’Assessorato regionale alla Sanità, dopo la presentazione ufficiale a Torino, ha avviato un tour virtuale nelle singole Provincie per illustrare alla stampa, con il contributo delle Direzioni delle Asl  territoriali e delle Aziende Ospedaliere, il funzionamento della piattaforma e lo stato dell’arte, in tema di Sanità digitale, delle singole aziende sanitarie. 

Come ha osservato l’assessore alla #Sanità, #LuigiIcardi, “stiamo affrontando un’emergenza sanitaria senza precedenti, nella quale i servizi digitali possono essere di grande aiuto. L’approccio è del tutto nuovo,  lo strumento è di facile uso e credo possa aiutare davvero i cittadini Dal sito si potrà scegliere il medico di base, pagare i ticket, visualizzare e stampare le ricette mediche, anche delegando una persona di fiducia a usare il servizio online per proprio conto. E un cambiamento davvero importante, e un grande sforzo che abbiamo voluto fare” 

Al portale si accede da computer, tablet e smartphone, consente la consultazione, previo consenso del paziente, anche agli operatori sanitari per finalità di cura.
Il cittadino mantiene naturalmente il diritto di revocare lautorizzazione di accesso da parte di soggetti terzi in qualsiasi momento.

La #RegionePiemonte, tra le prime in Italia, si è adeguata alle disposizioni nazionali sulla sanità digitale rendendo il fascicolo sanitario elettronico automatico per tutti i piemontesi, che possono decidere di utilizzarlo a scopo di consultazione personale, oppure - previo consenso - di estenderne la consultazione anche agli operatori sanitari (ospedali pubblici, Asl, medici di medicina generale e pediatri) per finalità di cura. Il cittadino mantiene naturalmente il diritto di revocare l’autorizzazione in qualsiasi momento nelle modalità previste.

Si può accedere in sicurezza a tutti questi servizi con #SPID, il sistema pubblico di identità digitale, oppure con la Carta di Identità Elettronica o la Carta Nazionale dei Servizi.
Alla realizzazione del portale ha lavorato il #Csi-#Piemonte che ha curato non solo gli aspetti tecnico-informatici, ma ha anche supportato l’Assessorato nell’ideazione e nella realizzazione della campagna di comunicazione per consentire al cittadino di conoscere il nuovo punto unico di accesso ai servizi digitali sanitari, facili da usare e utili.
 
Alla conferenza stampa sono intervenuti i direttori generali dell’Asl No, dell’Asl VCO e dell’AOU Maggiore della Carità di Novara e i Direttori dei Sistemi Informativi delle Aziende citate.

Negli ultimi anni si è lavorato molto anche a livello locale per creare un vero e proprio sistema di governance della comunicazione attraverso cui coltivare e portare avanti una relazione con il cittadino:  è stato fondamentale ripensare ai modelli organizzativi e portare avanti un cambiamento culturale, insieme a quello tecnologico, partendo dalla comunicazione, dall’informazione e dalla messa in trasparenza dell’organizzazione. – dichiara il Direttore Generale dell’#ASLNO, #ArabellaFontana -.
Lestensione, il miglioramento e soprattutto la semplificazione dei servizi on line è certamente unopportunità per tutti gli assistiti, ma anche per le ASL e per tutto il sistema sanitario in particolar modo in questo momento. 
LASL di Novara ha sempre sostenuto i progetti regionali di digitalizzazione garantendo fattiva collaborazione e lo dimostra il fatto che su diverse iniziative ha collaborato come ASL pilota alle fasi di avvio.
Mi riferisco in passato alla prescrizione con ricetta farmaceutica dematerializzata da parte dei nostri medici di medicina generale e in tempi più recenti al Cup unico regionale, al sistema regionale per le vaccinazioni e proprio in queste ultime settimane al nuovo servizio di scelta e revoca del medico.
Lauspicio è che la diffusione delle informazioni ai cittadini sugli strumenti a disposizione possa contribuire ad elevare il livello dei servizi offerti e stimolare ulteriormente il miglioramento della nostra organizzazione e che il Portale, integrando in un’unica piattaforma servizi e informazioni per i cittadini rappresenti un “ponte” tra ASL e cittadino.
  
#MarioMinola, direttore generale Aou Maggiore della Carità di Novara evidenzia che all’Azienda Ospedaliera  la digitalizzazione è già il presente. Già prima dellemergenza epidemica è stata attivata una Unità funzionale per la transizione digitale
“Alla luce della futura Città della salute è una palestra reale dove prepararci – dichiara - Abbiamo riempito di contenuti il fascicolo sanitario con limportazione anche degli esami radiologici, primi in Piemonte. Abbiamo poi sviluppato iniziative più specifiche: una app per i pazienti oncologici, lo zero code per il Centro prelievi, corsi online di preparto, tele visite e telemedicina in molti settori”.

Il Direttore Gnerale dell’#ASLVCO, #ChiaraSerpieri, sottolinea che lAzienda Sanitaria ha popolato il Fascicolo Sanitario di alcuni documenti relativi alla salute dei cittadini che effettuano prestazioni presso le Strutture dellASL, come ad esempio referti di esami radiologici, di Laboratorio Analisi e di Anatomia Patologica, referti di visite mediche specialistiche, lettere di dimissioni da ricoveri.
Prossimamente sarà inoltre possibile trovare nel Fascicolo anche i verbali di pronto soccorso e le immagini degli esami radiologici.
Da oggi è attivo sul portale per la nostra Azienda Sanitaria la procedura “Il mio Medico” per la scelta e revoca del Medico di Medicina Generale e del Pediatra di Libera Scelta.
Il portale può essere uno strumento molto utile per i cittadini e per gli operatori sanitari. Lintendimento dellAzienda Sanitaria è quello di potenziare lutilizzo del portale da parte dei cittadini ampliando lofferta dei servizi online.
Grazie a questa opportunità i cittadini potranno limitare il loro accesso alle Strutture Sanitarie esclusivamente per leffettuazione delle prestazioni, soprattutto in questo momento di emergenza da #Covid19.

Un altro obiettivo dell#AziendaSanitaria è quello di potenziare i servizi di telemedicina stante anche la peculiarità della morfologia del territorio del Verbano Cusio Ossola.
Sottolinea, inoltre, il grande impegno del personale del Servizio Tecnologia dellInformazione e della Comunicazione ICT che in collaborazione con i Servizi Sanitari sta implementando la documentazione presente nel Fascicolo Sanitario Elettronico e potenziando i servizi online offerti al cittadino.
Regione Piemonte Luigi Genesio Icardi Asl Novara Azienda Ospedaliero Universitaria Maggiore della Carità

SALUTEPIEMONTE.IT: GRANDE OPPORTUNITÀ DI ACCESSO AI SERVIZI

L’Assessore #Icardi con l’#AslNo, l’#AslVCO e l’ #AouMaggioredellaCarità di #Novara per illustrarne le caratteristiche della piattaforma della Sanità digitale del Piemonte

Si chiama il nuovo portale con il quale la #Regione intende far interagire sempre più i cittadini in via telematica con il sistema sanitario. Sono così accessibili in digitale ricette mediche, prenotazioni, referti, e in generale tutti i servizi che possono attualmente essere ottenuti tramite i call center.
L’Assessorato regionale alla Sanità, dopo la presentazione ufficiale a Torino, ha avviato un tour virtuale nelle singole Provincie per illustrare alla stampa, con il contributo delle Direzioni delle Asl territoriali e delle Aziende Ospedaliere, il funzionamento della piattaforma e lo stato dell’arte, in tema di Sanità digitale, delle singole aziende sanitarie.

Come ha osservato l’assessore alla #Sanità, #LuigiIcardi, “stiamo affrontando un’emergenza sanitaria senza precedenti, nella quale i servizi digitali possono essere di grande aiuto. L’approccio è del tutto nuovo, lo strumento è di facile uso e credo possa aiutare davvero i cittadini Dal sito si potrà scegliere il medico di base, pagare i ticket, visualizzare e stampare le ricette mediche, anche delegando una persona di fiducia a usare il servizio online per proprio conto. E' un cambiamento davvero importante, e un grande sforzo che abbiamo voluto fare”

Al portale si accede da computer, tablet e smartphone, consente la consultazione, previo consenso del paziente, anche agli operatori sanitari per finalità di cura.
Il cittadino mantiene naturalmente il diritto di revocare l'autorizzazione di accesso da parte di soggetti terzi in qualsiasi momento.

La #RegionePiemonte, tra le prime in Italia, si è adeguata alle disposizioni nazionali sulla sanità digitale rendendo il fascicolo sanitario elettronico automatico per tutti i piemontesi, che possono decidere di utilizzarlo a scopo di consultazione personale, oppure - previo consenso - di estenderne la consultazione anche agli operatori sanitari (ospedali pubblici, Asl, medici di medicina generale e pediatri) per finalità di cura. Il cittadino mantiene naturalmente il diritto di revocare l’autorizzazione in qualsiasi momento nelle modalità previste.

Si può accedere in sicurezza a tutti questi servizi con #SPID, il sistema pubblico di identità digitale, oppure con la Carta di Identità Elettronica o la Carta Nazionale dei Servizi.
Alla realizzazione del portale ha lavorato il #Csi-#Piemonte che ha curato non solo gli aspetti tecnico-informatici, ma ha anche supportato l’Assessorato nell’ideazione e nella realizzazione della campagna di comunicazione per consentire al cittadino di conoscere il nuovo punto unico di accesso ai servizi digitali sanitari, facili da usare e utili.

Alla conferenza stampa sono intervenuti i direttori generali dell’Asl No, dell’Asl VCO e dell’AOU Maggiore della Carità di Novara e i Direttori dei Sistemi Informativi delle Aziende citate.

Negli ultimi anni si è lavorato molto anche a livello locale per creare un vero e proprio sistema di governance della comunicazione attraverso cui coltivare e portare avanti una relazione con il cittadino: è stato fondamentale ripensare ai modelli organizzativi e portare avanti un cambiamento culturale, insieme a quello tecnologico, partendo dalla comunicazione, dall’informazione e dalla messa in trasparenza dell’organizzazione. – dichiara il Direttore Generale dell’#ASLNO, #ArabellaFontana -.
L'estensione, il miglioramento e soprattutto la semplificazione dei servizi on line è certamente un'opportunità per tutti gli assistiti, ma anche per le ASL e per tutto il sistema sanitario in particolar modo in questo momento.
L'ASL di Novara ha sempre sostenuto i progetti regionali di digitalizzazione garantendo fattiva collaborazione e lo dimostra il fatto che su diverse iniziative ha collaborato come ASL pilota alle fasi di avvio.
Mi riferisco in passato alla prescrizione con ricetta farmaceutica dematerializzata da parte dei nostri medici di medicina generale e in tempi più recenti al Cup unico regionale, al sistema regionale per le vaccinazioni e proprio in queste ultime settimane al nuovo servizio di scelta e revoca del medico.
L'auspicio è che la diffusione delle informazioni ai cittadini sugli strumenti a disposizione possa contribuire ad elevare il livello dei servizi offerti e stimolare ulteriormente il miglioramento della nostra organizzazione e che il Portale, integrando in un’unica piattaforma servizi e informazioni per i cittadini rappresenti un “ponte” tra ASL e cittadino.

#MarioMinola, direttore generale Aou Maggiore della Carità di Novara evidenzia che all’Azienda Ospedaliera la digitalizzazione è già il presente. Già prima dell'emergenza epidemica è stata attivata una Unità funzionale per la transizione digitale
“Alla luce della futura Città della salute è una palestra reale dove prepararci – dichiara - Abbiamo riempito di contenuti il fascicolo sanitario con l'importazione anche degli esami radiologici, primi in Piemonte. Abbiamo poi sviluppato iniziative più specifiche: una app per i pazienti oncologici, lo "zero code" per il Centro prelievi, corsi online di preparto, tele visite e telemedicina in molti settori”.

Il Direttore Gnerale dell’#ASLVCO, #ChiaraSerpieri, sottolinea che l'Azienda Sanitaria ha popolato il Fascicolo Sanitario di alcuni documenti relativi alla salute dei cittadini che effettuano prestazioni presso le Strutture dell'ASL, come ad esempio referti di esami radiologici, di Laboratorio Analisi e di Anatomia Patologica, referti di visite mediche specialistiche, lettere di dimissioni da ricoveri.
Prossimamente sarà inoltre possibile trovare nel Fascicolo anche i verbali di pronto soccorso e le immagini degli esami radiologici.
Da oggi è attivo sul portale per la nostra Azienda Sanitaria la procedura “Il mio Medico” per la scelta e revoca del Medico di Medicina Generale e del Pediatra di Libera Scelta.
Il portale può essere uno strumento molto utile per i cittadini e per gli operatori sanitari. L'intendimento dell'Azienda Sanitaria è quello di potenziare l'utilizzo del portale da parte dei cittadini ampliando l'offerta dei servizi online.
Grazie a questa opportunità i cittadini potranno limitare il loro accesso alle Strutture Sanitarie esclusivamente per l'effettuazione delle prestazioni, soprattutto in questo momento di emergenza da #Covid19.

Un altro obiettivo dell'#AziendaSanitaria è quello di potenziare i servizi di telemedicina stante anche la peculiarità della morfologia del territorio del Verbano Cusio Ossola.
Sottolinea, inoltre, il grande impegno del personale del Servizio Tecnologia dell'Informazione e della Comunicazione ICT che in collaborazione con i Servizi Sanitari sta implementando la documentazione presente nel Fascicolo Sanitario Elettronico e potenziando i servizi online offerti al cittadino.
Regione Piemonte Luigi Genesio Icardi Asl Novara Azienda Ospedaliero Universitaria Maggiore della Carità
... Vedi altroVedi di meno

COVID-19: Rapporto del 22-11-2020
In #ITALIA: 28.337 nuovi casi positivi, 562 vittime, 43 nuovi ricoveri in terapia intensiva, 216 nuovi ricoveri in reparti Covid, 13.942 nuovi casi in isolamento domiciliare e 13.574 pazienti guariti. ( 188.747 Tamponi eseguiti). 
In #PIEMONTE:  2.641 nuovi positivi, 69 decessi, +8 nuovi ricoveri in terapia intensiva, -18 nuovi ricoveri in reparti Covid, +930 casi in isolamento domiciliare, 1.652 i pazienti guariti. (+13.605 Tamponi).
A #NOVARA: Nellultimo rapporto diramato dallAzienda Ospedaliero Universitaria Maggiore della Carità di Novara, si registrano i seguenti casi positivi al Coronavirus: il numero dei #ricoverati #Covid, nonostante le dimissioni di 8 pazienti e il trasferimento di 4 persone in altre strutture, è risalito a 245, di cui: 27 pazienti in #terapiaintensiva, 22 in terapia #subintensiva, 151 nei #repartiCovid , 13 nel reparto di #malattieinfettive, 32 nel reparto Covid dell’#OspedaleSanRocco di #Galliate e 2 #decessi per Covid-19, due uomini del 1931 e 1941.
In Piemonte, secondo i dati diffusi nellaggiornamento odierno dallUnità di Crisi della Regione, le persone risultate #Covidpositive nelle ultime 24 ore sono 149.575 (+2.641), di cui 11.194 11.059 (+135) nella #provincia #novarese (ancora in aumento nelle ultime 24 ore). Il Piemonte è la quinta regione più colpita d’Italia con + 2.641 casi dopo la Lombardia con + 5.094 casi, seconda la Campania a +3.217 casi, terzo il Veneto con 2.956 casi e quarta l’Emilia Romagna con 2.665 casi; in discesa la curva dei contagi da Coronavirus, i tamponi effettuati, sono + 13.605; sono 2.641 i positivi, 69 i decessi, 398 (+8) i ricoverati in terapia intensiva, 5.132 (-18) i ricoverati in subintensiva e nei reparti Covid, le persone in isolamento domiciliare sono 71.482 (+930), i guariti sono 66.998 (+1.652).
A #livellonazionale i dati comunicati dal Ministero della Salute evidenziano che l’incremento nazionale dei casi oggi è + 2,05 % (ieri +2,58 %), 15,01% lincidenza del numero di persone risultate positive rispetto al numero complessivo di tamponi effettuati nelle ultime 24 ore (ieri era il 14,65%) e che le persone positive al #Coronavirus nelle ultime 24 ore sono 28.337 rispetto ai 34.767 di ieri, a fronte di una importante diminuzione dei #tamponi eseguiti, sono stati infatti 188.747 contro i 237.225 di ieri (-48.478).
Il #numerocomplessivo dei #contagiati, comprese vittime e guariti, sale a 1.408.868 contro i 1.380.531 di ieri (+ 28.337). In diminuzione il numero delle #vittime nelle ultime 24 ore: si registrano 562 morti, ieri erano 692 e portano il totale delle vittime a 49.823. Continua ad aumentare anche il numero dei ricoveri nei reparti degli ospedali per il Covid 19. Dai dati del Ministero della Salute emerge che ci sono 805.947 ieri erano 791.746 (+ 14.201) attualmente positivi: di cui 34.279 ieri erano 34.063, (+216) #ricoverati con #sintomi nei reparti ordinari, il numero dei ricoverati nelle #terapieintensive che sono 3.801 ieri erano 3.758 (+ 43 rispetto a ieri) e 767.867 persone contro i 753.925 di ieri (+13.942) si trovano in #isolamento #domiciliare . Il totale dei #dimessi e dei #guariti dallinizio dellemergenza sale invece a 553.098, con un incremento rispetto a ieri che i casi erano 539.524 (+ 13.574).

COVID-19: Rapporto del 22-11-2020
In #ITALIA: 28.337 nuovi casi positivi, 562 vittime, 43 nuovi ricoveri in terapia intensiva, 216 nuovi ricoveri in reparti Covid, 13.942 nuovi casi in isolamento domiciliare e 13.574 pazienti guariti. ( 188.747 Tamponi eseguiti).
In #PIEMONTE: 2.641 nuovi positivi, 69 decessi, +8 nuovi ricoveri in terapia intensiva, -18 nuovi ricoveri in reparti Covid, +930 casi in isolamento domiciliare, 1.652 i pazienti guariti. (+13.605 Tamponi).
A #NOVARA: Nell'ultimo rapporto diramato dall'Azienda Ospedaliero Universitaria Maggiore della Carità di Novara, si registrano i seguenti casi positivi al Coronavirus: il numero dei #ricoverati #Covid, nonostante le dimissioni di 8 pazienti e il trasferimento di 4 persone in altre strutture, è risalito a 245, di cui: 27 pazienti in #terapiaintensiva, 22 in terapia #subintensiva, 151 nei #repartiCovid , 13 nel reparto di #malattieinfettive, 32 nel reparto Covid dell’#OspedaleSanRocco di #Galliate e 2 #decessi per Covid-19, due uomini del 1931 e 1941.
In Piemonte, secondo i dati diffusi nell'aggiornamento odierno dall'Unità di Crisi della Regione, le persone risultate #Covidpositive nelle ultime 24 ore sono 149.575 (+2.641), di cui 11.194 11.059 (+135) nella #provincia #novarese (ancora in aumento nelle ultime 24 ore). Il Piemonte è la quinta regione più colpita d’Italia con + 2.641 casi dopo la Lombardia con + 5.094 casi, seconda la Campania a +3.217 casi, terzo il Veneto con 2.956 casi e quarta l’Emilia Romagna con 2.665 casi; in discesa la curva dei contagi da Coronavirus, i tamponi effettuati, sono + 13.605; sono 2.641 i positivi, 69 i decessi, 398 (+8) i ricoverati in terapia intensiva, 5.132 (-18) i ricoverati in subintensiva e nei reparti Covid, le persone in isolamento domiciliare sono 71.482 (+930), i guariti sono 66.998 (+1.652).
A #livellonazionale i dati comunicati dal Ministero della Salute evidenziano che l’incremento nazionale dei casi oggi è + 2,05 % (ieri +2,58 %), 15,01% l'incidenza del numero di persone risultate positive rispetto al numero complessivo di tamponi effettuati nelle ultime 24 ore (ieri era il 14,65%) e che le persone positive al #Coronavirus nelle ultime 24 ore sono 28.337 rispetto ai 34.767 di ieri, a fronte di una importante diminuzione dei #tamponi eseguiti, sono stati infatti 188.747 contro i 237.225 di ieri (-48.478).
Il #numerocomplessivo dei #contagiati, comprese vittime e guariti, sale a 1.408.868 contro i 1.380.531 di ieri (+ 28.337). In diminuzione il numero delle #vittime nelle ultime 24 ore: si registrano 562 morti, ieri erano 692 e portano il totale delle vittime a 49.823. Continua ad aumentare anche il numero dei ricoveri nei reparti degli ospedali per il Covid 19. Dai dati del Ministero della Salute emerge che ci sono 805.947 ieri erano 791.746 (+ 14.201) attualmente positivi: di cui 34.279 ieri erano 34.063, (+216) #ricoverati con #sintomi nei reparti ordinari, il numero dei ricoverati nelle #terapieintensive che sono 3.801 ieri erano 3.758 (+ 43 rispetto a ieri) e 767.867 persone contro i 753.925 di ieri (+13.942) si trovano in #isolamento #domiciliare . Il totale dei #dimessi e dei #guariti dall'inizio dell'emergenza sale invece a 553.098, con un incremento rispetto a ieri che i casi erano 539.524 (+ 13.574).
... Vedi altroVedi di meno

Commenta su Facebook

#CORONAVIRUS #PIEMONTE: IL BOLLETTINO DELLE ORE 17.30 DEL 22 NOVEMBRE 2020 66.998 PAZIENTI GUARITI Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti guariti sono complessivamente 66.998 (+1.652 rispetto a ieri) così suddivisi su base provinciale: Alessandria 5.906, Asti 3.231, Biella 2.095, Cuneo 7.534, Novara 4.897, Torino 38.202, Vercelli 2.516, Verbano-Cusio-Ossola 1.901, oltre a 374 extraregione e 342 in fase di definizione. I DECESSI DIVENTANO 5.565 Sono 69 i decessi di persone positive al test del Covid-19 comunicati dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte, di cui 10 verificatisi oggi (si ricorda che il dato di aggiornamento cumulativo comunicato giornalmente comprende anche decessi avvenuti nei giorni precedenti e solo successivamente accertati come decessi Covid). Il totale è ora 5.565 deceduti risultati positivi al virus, così suddivisi per provincia: 858 Alessandria, 329 Asti, 266 Biella, 594 Cuneo, 513 Novara, 2.494 Torino, 282 Vercelli, 173 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 56 residenti fuori regione ma deceduti in Piemonte. LA SITUAZIONE DEI CONTAGI I casi di persone finora risultate positive al Covid-19 in Piemonte sono 149.575 (+2.641 rispetto a ieri, di cui 881, il 33%, sono asintomatici). I casi sono così ripartiti: 501 screening, 1082 contatti di caso, 1058 con indagine in corso; per ambito: 355 Rsa/Strutture socio-assistenziali, 170 scolastico, 2116 popolazione generale. La suddivisione complessiva su base provinciale diventa: 12.883 Alessandria, 6.869 Asti, 5.247 Biella, 19.738 Cuneo, 11.194 Novara, 80.947 Torino, 5.573 Vercelli, 4.820 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 866 residenti fuori regione ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 1.438 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. I ricoverati in terapia intensiva sono 398 (+8 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 5.132 (-18 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 71.482. I tamponi diagnostici finora processati sono 1.418.692 (+13.605 rispetto a ieri), di cui 748.560 risultati negativi.

Guardiamo insieme un vecchio filmato di Radio Onda Novara che oggi compie 44 anni di attività radiofonica, (21/11/1976 - 21/11/2020).
Abbiamo però deciso di non festeggiare questo traguardo come facevamo negli anni scorsi e invece di scriverci gli auguri come fate sempre, vorremmo chiedervi di scrivere a persone che conoscete, a vostri amici, alla vostra famiglia, per chiedere loro come stanno, per salutarli, anche da parte nostra, a volte una sola parola e un pensiero in un momento come questo valgono un mondo intero.
#OndaNovara
Mario Teruggi
#radio
#Novara
... Vedi altroVedi di meno

Leggi altro

Copyright All right reserved