Mattarella “Non sottovalutare intolleranza e razzismo”

admin
ROMA (ITALPRESS) – “La Giornata Europea della Cultura Ebraica è occasione quanto mai preziosa per riscoprire il patrimonio religioso, artistico, architettonico che le comunità ebraiche hanno saputo costruire nelle nostre città e, attraverso questi tesori, conoscere meglio quelle radici che da secoli sono parte e contribuiscono ad alimentare la storia e la vita nazionale”. Lo scrive il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio alla presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane UCEI, Noemi Di Segni.
“”Gli itinerari ebraici” è il tema scelto per la Giornata di quest’anno i cui numerosi eventi in programma saranno indubbiamente condizionati a causa della lotta alla pandemia – aggiunge il capo dello Stato -. Le misure di precauzione saranno un segno di condivisione di quell’impegno che coinvolge ogni componente della comunità nazionale. Ma, proprio per questo, la responsabilità comune diverrà la cornice entro la quale valorizzare i caratteri e gli apporti originali che la presenza ebraica ha portato nel nostro Paese e in tutta l’Europa”.
“Cultura, dialogo e rispetto sono le basi della nostra convivenza. La cronaca non manca di mostrarci i rischi di sottovalutazione dell’intolleranza e del razzismo – spiega Mattarella -. Tocca a ciascuno di noi far vivere, nel confronto e nell’incontro, i valori di civiltà e di solidarietà che sono alle fondamenta della Costituzione repubblicana. Acquistano così ancor maggior significato le molteplici iniziative promosse dall’Unione delle Comunità Ebraiche, per il successo delle quali rivolgo i più fervidi auguri”.
(ITALPRESS).
Next Post

Patuanelli “Il Governo non deve vivacchiare”

CERNOBBIO (COMO) (ITALPRESS) – “Il Paese sta uscendo con consapevolezza dalla pandemia. Questo governo non può vivacchiare nell’attesa dell’elezione del Presidente della Repubblica. Il governo è e deve essere più vicino ai cittadini e cucire alcune fragilità e fratture. Deve essere chiaro, e ce l’abbiamo chiaro, che non possiamo vivere […]