Blangiardo (Istat) “Con il Covid nascite ai minimi”

admin
ROMA (ITALPRESS) – «In Italia abbiamo una tendenza che dura dal 2009, con un calo di circa un quarto delle nascite da allora. Già gennaio 2020, prima della pandemia, ha un calo dell’1,5% rispetto a un anno prima. Vedremo dai dati di dicembre quanto la paura avrà inciso, a partire da marzo. Contano anche l’incertezza sul lavoro e le difficoltà della vita quotidiana, che inducono le persone a posticipare il momento di avere un figlio fin quando magari diventa tardi. Fare previsioni è difficile, ma temo che nel 2021 potremmo scendere sotto le 400 mila nascite». Lo dice, intervistato dal Corriere della Sera, Gian Carlo Blangiardo, presidente dell’Istat, a proposito delle possibili conseguenze della pandemia. «Da notare – aggiunge – che il declino riguarda anche la popolazione straniera. L’immigrazione oggi porta 62 mila nati all’anno, dopo essere arrivata a 80 mila. Ma aldilà dei fattori congiunturali – la crisi, la pandemia – in Italia c’è soprattutto un effetto strutturale, perchè si sta riducendo il numero di persone in età feconda. I nati all’apice del baby boom oggi hanno 56 anni. Le generazioni in età riproduttiva saranno sempre più ristrette».
(ITALPRESS).
Next Post

Osaka troppo forte, Giorgi eliminata agli Us Open

NEW YORK (STATI UNITI) (ITALPRESS) – Serviva un’impresa che però non è arrivata e così, dopo Jasmine Paolini eliminata all’esordio, anche Camila Giorgi fa le valigie e al terzo turno degli Us Open femminili non ci saranno italiane. Troppo superiore per la 28enne marchigiana una Naomi Osaka che ha fugato […]