Gioele, si riapre la pista della morte dopo l’incidente

admin
PALERMO (ITALPRESS) – Sono i nuovi “accertamenti non ripetibili di tipo biologico” eseguiti oggi – nei locali del Laboratorio di genetica forense del Gabinetto della Polizia Scientifica di Palermo – a dare un nuovo input alle indagini sulla scomparsa e la morte di Viviana Parisi e di suo figlio Gioele. E a riaprire la pista che il bambino possa essere rimasto ferito mortalmente a causa dell’incidente stradale sulla A20, all’altezza di Caronia.
La Procura di Patti – che coordina l’inchiesta per omicidio e sequestro di persona – ha disposto, infatti, ulteriori analisi su sei campionature prese lo scorso 6 agosto sull’auto di Viviana, una Opel Corsa di colore grigio, per verificare l’eventuale presenza di profili genetici e eventuali comparazioni.
Sono poche, invece, le informazioni utili emerse dall’autopsia sui resti trovati tra i cespugli. Gioele è stato aggredito dagli animali nelle campagne di Caronia: è questa l’unica certezza emersa, al momento, dall’esame autoptico eseguito dal medico legale Elvira Ventura Spagnolo sui resti del piccolo.
(ITALPRESS).
Next Post

Migranti, Governo impugna l’ordinanza di Musumeci “E’ competenza statale”

ROMA (ITALPRESS) – Il Governo ha impugnato l’ordinanza del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci che prevede la chiusura degli hotspot e dei centri di accoglienza per migranti dell’Isola. Il ricorso, secondo quanto si apprende da fonti di Governo, è presentato dalla Presidenza del Consiglio e dal ministero dell’Interno, è […]