Fico “Parlamento sempre più faro, anche su Recovery Fund”

admin
ROMA (ITALPRESS) – Il Parlamento è sempre più “faro per tutti i cittadini”. Così, intervenendo alla trasmissione Agorà Estate su Rai 3, il presidente della Camera, Roberto Fico, ha voluto sottolineare la centralità del Parlamento, rimandando al mittente le accuse di deriva liberticida fatte ieri al governo nella gestione della pandemia. Anche a proposito dell’uso eccessivo dello strumento dei Dpcm, Fico si è detto convinto che “l’Italia abbia gestito molto bene l’emergenza e tutti i Paesi del mondo ce ne danno atto e per questo siamo molto più autorevoli. E’ vero che c’è stato un massiccio utilizzo dei Dpcm, ma ad autorizzarli sono stati la Camera e il Senato”. Secondo l’esponente del Movimento 5 Stelle, il Parlamento sarà centrale anche in vista del Recovery Fund. “Per come è costruito il Recovery Fund sarà inserito nella procedura ordinaria tra il Def e il Bilancio dello Stato e quindi già lì si potrà intervenire, poi vedremo man mano il ruolo che il Parlamento vorrà prendersi anche per quanto riguarda gli atti di indirizzo e le priorità di spesa – ha aggiunto -. Due giorni fa abbiamo fatto una conferenza dei capigruppo nella quale abbiamo messo in atto una serie di tematiche sugli strumenti che potremo usare”. Fico è intervenuto anche sulla correzione dei decreti sicurezza, definendoli “una risposta sbagliata ad una tematica reale”. “La politica migratoria si affronta a 360 gradi, con un dibattito ampio, non con uno scontro, ma comprendendo le ragioni di tutti e facendo una sintesi, facendo una politica lungimirante. I decreti sicurezza vanno cambiati, ce lo dicono anche il presidente della Repubblica e la Corte Costituzionale. Siamo in linea con i tempi”, ha spiegato.
(ITALPRESS).
Next Post

A giugno la disoccupazione risale all’8,8%, tra i giovani al 27,6%

ROMA (ITALPRESS) – Rispetto al mese di maggio 2020, a giugno prosegue, a ritmo meno sostenuto, la diminuzionedell’occupazione e la crescita del numero di persone in cerca di lavoro, a fronte di un calo dell’inattività. Il tasso di disoccupazione risale all’8,8% (+0,6 punti) e, tra i giovani, al 27,6% (+1,9 […]