Chelsea batte ManCity, Liverpool campione d’Inghilterra

admin
LONDRA (INGHILTERRA) (ITALPRESS) – Il Chelsea batte 2-1 il Manchester City e regala la certezza aritmetica del titolo di campione di Inghilterra al Liverpool, 30 anni dopo l’ultimo trionfo. Il countdown per il diciannovesimo scudetto dei Reds si conclude, con sette giornate d’anticipo, grazie al 2-1 della squadra di Lampard a Stamford Bridge: il City non riesce a rinviare la festa dei ragazzi di Klopp, rendendo di fatto vano il confronto diretto in programma il prossimo 2 luglio. Gli uomini di Guardiola si fanno vedere dalle parti di Kepa con Fernandinho ma i Blues passano in vantaggio al 36′ con una clamorosa disattenzione dei Citizens: malinteso tra Mendy e Gundogan, Pulisic ne approfitta e si mette in proprio superando Ederson con freddezza. Il City, però, non ci sta e si riporta in parità al 55′: De Bruyne disegna un arcobaleno su punizione, Kepa è in ritardo e vede il pallone insaccarsi alle sue spalle per l’1-1. Al 71′ Pulisic va poi a centimetri dalla doppietta: ancora una volta in progressione, salta Ederson e calcia verso la porta sguarnita ma Walker salva con una miracolosa scivolata praticamente sulla linea.
La rete del vantaggio è solo rimandata: Fernandinho salva con la mano su Abraham, grazie all’ausilio del Var l’arbitro Attwell concede rigore ed espelle il giocatore ospite. Dal dischetto Willian è glaciale e al 78′ fa calare il sipario sul titolo della Premier League. Liverpool campione d’Inghilterra 30 anni dopo, mentre il Chelsea si mantiene sul +5 al quarto posto, valido per la qualificazione in Champions League, su United e Wolverhampton.
(ITALPRESS).
Next Post

Bonaccini “La scuola doveva essere la priorità della Fase 2”

ROMA (ITALPRESS) – “Noi ci stiamo confrontando con l’esecutivo per arrivare a misure applicabili, che permettano la riapertura delle scuole, non altro. E confidiamo di poter arrivare a un testo condiviso sulle linee guida già alla prossima riunione della Conferenza unificata Stato-Regioni. Non abbiamo esitato a dire no a proposte […]