Coronavirus, numero dei morti tocca il minimo degli ultimi 2 mesi

admin
ROMA (ITALPRESS) – Il numero dei morti in Italia tocca il suo minimo degli ultimi due mesi. Secondo i dati sulla diffusione del coronavirus resi noti dalla Protezione Civile, nelle ultime 24 ore sono morte 153 persone per un totale di 31.763 decessi.
Si registra, quindi, il numero più basso dopo il 9 marzo scorso quando, appena avviate le misure di lockdown, i nuovi decessi erano 97. Ieri, invece, i morti erano 242. Il totale delle persone che ad oggi hanno contratto il virus è di 224.760, rispetto a ieri ci sono 875 casi in più. La curva degli attualmente positivi continua a scendere: i casi oggi sono 70.187, con una diminuzione di 1.883 assistiti rispetto a ieri.
Il trend in discesa dei pazienti in cura presso le terapie intensive si mantiene pressochè costante con una riduzione di 33 persone nelle ultime 24 ore (ieri erano 47 in meno rispetto al giorno precedente) per un totale di 775 pazienti in terapia intensiva. E’ invariata, rispetto a ieri, la percentuale delle persone in isolamento rispetto al totale degli attualmente positivi: le 59.012 persone in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi rappresentano l’84% dei positivi.
Il numero dei ricoveri continua a ridursi, ma in misura minore rispetto alle 24 ore precedenti. Oggi sono 10.400 le persone ricoverate con sintomi, con un decremento di 392 pazienti rispetto a ieri quando si era registrata una riduzione di 661. Prosegue comunque il calo della pressione sulle strutture ospedaliere. Il numero complessivo dei dimessi e guariti continua a salire, raggiungendo quota 122.810, con un incremento di 2.605 persone rispetto a ieri.
(ITALPRESS).
Next Post

Coronavirus, Gardini “Voglia di ripartire, problema è il credito”

ROMA (ITALPRESS) – “C’è tanta voglia di riapertura e di ricominciare. Speriamo che i protocolli di sicurezza e il distanziamento sociale ci aiutino per far diminuire la pericolosità del virus. Se no l’economia tracolla”. Così all’Italpress il presidente di Confcooperative, Maurizio Gardini, in merito alla fase 2 dopo il Dl […]