Acea, nel primo trimestre 2020 ricavi in rialzo

admin
ROMA (ITALPRESS) – Il Consiglio di Amministrazione di ACEA, presieduto da Michaela Castelli, ha approvato il Resoconto Intermedio della Gestione al 31 marzo 2020.
I ricavi netti consolidati ammontano a 834 milioni di euro, in lieve crescita rispetto agli 823 milioni di euro del primo trimestre 2019 (+1%).
Il Margine Operativo Lordo (EBITDA) consolidato passa da 248 milioni di euro, del 31 marzo 2019, a 276 milioni di euro del 31 marzo 2020, registrando una crescita di 29 milioni di euro (+12%), attribuibile, per 21 milioni di euro, alla variazione dell’area di consolidamento (AdF contribuisce per 14 milioni di euro).
Il Risultato Operativo (EBIT) di 137 milioni di euro segna un incremento di 4 milioni di euro (+3%) rispetto al medesimo periodo dello scorso anno.
Il Risultato netto di Gruppo, nel periodo, si attesta a 71 milioni di euro e segna un calo di 5 milioni rispetto al medesimo periodo del 2019 (-6,5%).
Il Risultato netto di Gruppo, nel periodo, si attesta a 71 milioni di euro e segna un calo di 5 milioni rispetto al medesimo periodo del 2019 (-6,5%).
“I risultati del primo trimestre dell’anno, seppur in presenza di uno scenario complesso a causa del manifestarsi dell’emergenza sanitaria, sono positivi, confermano la solidita’ dei nostri business e il valore degli investimenti realizzati in questi tre anni per assicurare la massima efficienza operativa delle nostre infrastrutture”, commenta l’amministratore delegato di ACEA, Stefano Donnarumma.
“Questo ha permesso di garantire la continuita’ nella gestione di servizi essenziali in tutti i territori in cui ACEA opera. Le caratteristiche del nostro business, la solidita’ della struttura finanziaria e la capacita’ gestionale delle nostre persone permettono di guardare con fiducia al futuro e di confermare la guidance per l’anno in corso gia’ comunicata al mercato”, aggiunge.
(ITALPRESS).
Next Post

Silvia Romano, Di Maio “L’Ong non aveva informato la Farnesina”

ROMA (ITALPRESS) – “L’associazione Africa Milele onlus, per la quale operava Silvia Romano, non rientra tra le organizzazioni iscritte nell’elenco previste dalla Legge 121; l’attivita’ per la quale lavorava non e’ dunque destinatario di alcun sostegno della cooperazione italiana. L’associazione ha operato in autonomia, senza informare la Farnesina”. Cosi’ il […]