Coronavirus, Boccia “La societa’ non sara’ piu’ la stessa”

admin
ROMA (ITALPRESS) – “La societa’ non sara’ piu’ la stessa, all’interno della societa’ cambiera’ anche il capitalismo, cambiera’ molto e ci abitueremo a lavorare in smart working, ritorneremo ai fondamentali della nostra vita. Speriamo di riscoprire un senso e uno spirito di comunita’ data l’emergenza, e non rancore e pregiudizi”. Lo ha detto il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, intervenendo a Radio24, parlando dell’emergenza coronavirus.
“Noi ci stiamo ponendo con un linguaggio di grande responsabilita’ e non di sciacallaggio, qui non c’e’ una idea di economia che deve prevalere sulla salute – ha proseguito Boccia -. Noi stiamo proponendo una questione che e’ salvaguardare la salute ma essere attenti a evitare un default del Paese e delle nostre imprese, dietro le imprese c’e’ gente che vede una incertezza di futuro perche’ non sa quando aprire, questo determina una preoccupazione che dobbiamo trasformare in speranza e certezza. Nessuno ha mai immaginato che l’economia prevale sulla salute, e’ un linguaggio non rispettoso di un mondo come il nostro che e’ un mondo di grande responsabilita’”.
Sulla fase 2 “ieri abbiamo avuto modo di confrontarci con il governo, con le altre associazioni e i sindacati, e’ evidente che nelle imprese i presidi sanitari saranno rispettati,
siamo stati i primi a individuare protocolli nelle singole imprese, il problema e’ capire come fare in modo che l’operazione di mobilita’ delle persone che arrivano in azienda sia garantita da sicurezza – ha sottolineato il presidente di Confindustria -. Secondo noi e’ stato fatto un grande passo avanti: purtroppo dobbiamo accettare di convivere con il virus e metterci in sicurezza, aprendo un confronto serrato per un graduale rientro della capacita’ di produzione. La comunita’ scientifica e gli esperti di economia dovrebbero confrontarsi per costruire un modello italiano che puo’ diventare il modello europeo”.
(ITALPRESS).
Next Post

Coronavirus, nel Lazio eta’ media positivi e’ 58 anni, il 36% e’ a Roma

ROMA (ITALPRESS) – “Dei casi finora confermati di COVID-19 nel Lazio il 28% e’ ricoverato in una strutta sanitaria, il 47% e’ in isolamento domiciliare e il 4% e’ in terapia intensiva. I guariti sono il 15%. L’eta’ media dei casi positivi e’ 58 anni. Il 51% e’ di sesso […]