Coronavirus, due voli per gli italiani della Diamond Princess

admin
ROMA (ITALPRESS) – Partirà nella notte l’operazione dedicata al rimpatrio dei cittadini italiani che si trovano a bordo della Diamond Princess. L’intervento, coordinato dal tavolo del Comitato Operativo della Protezione Civile, è stato possibile grazie alla stretta sinergia tra i ministeri degli Affari Esteri, della Salute e della Difesa.
Un primo volo porterà in Giappone il personale medico e i materiali sanitari, in modo da anticipare le attività di screening in attesa dell’arrivo del Boeing dell’Aeronautica Militare, che effettuerà il trasporto dei viaggiatori della Diamond Princess verso il nostro Paese.
La decisione è stata presa nel corso della riunione presieduta dal capo Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli, alla presenza del ministro degli Affari Esteri, Luigi Di Maio e del ministro della Salute, Roberto Speranza.
A bordo del volo di rientro viaggeranno i passeggeri che, successivamente ai controlli sanitari, risulteranno negativi al test del Coronavirus. Ai connazionali che risulteranno positivi agli accertamenti sanitari, sarà garantita la massima assistenza da parte dell’Unità di Crisi della Farnesina e l’Ambasciata italiana in Giappone, in attesa del loro rientro in Italia nel rispetto di tutte le procedure di sicurezza necessarie.
Così come disposto dal ministero della Salute, sentito il Comitato Tecnico Scientifico, per i connazionali che rientreranno in Italia, sarà necessario un ulteriore periodo di quarantena di quattordici giorni.
“Il nostro obiettivo è quello di far rientrare i nostri connazionali all’estero il prima possibile. Grazie a chi ha lavorato al meccanismo dei due voli, col primo volo manderemo personale sanitario, poi partirà altro volo per far rientrare nostri connazionali in Italia”, ha commentato Di Maio dopo la riunione alla Protezione Civile.
(ITALPRESS).
Next Post

Frode fiscale nel commercio di carburanti, sequestro per 55 milioni

PISTOIA (ITALPRESS) – Sequestro finalizzato alla confisca di beni mobili, immobili, quote societarie e disponibilità finanziarie per oltre 55 milioni di euro. L’importo corrisponde all’evasione fiscale realizzata da un gruppo di persone ritenute responsabili di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture per operazioni inesistenti, omesso versamento di I.V.A., sottrazione fraudolenta […]