LE TANGENTI SI “SMATERIALIZZANO”. MENO CONTANTI, PIÙ POSTI DI LAVORO

admin

ROMA (ITALPRESS) – La “smaterializzazione” della tangente. E’ il nuovo fenomeno emerso dal rapporto Anac “La corruzione in Italia (2016-2019)”, presentato dal presidente Raffaele Cantone.
“C’è una sempre minor ricorrenza della contropartita economica – sottolinea l’Autorità Anticorruzione -. Il denaro continua a rappresentare il principale strumento dell’accordo illecito, tanto da ricorrere nel 48% delle vicende esaminate, sovente per importi esigui (2.000-3.000 euro ma in alcuni casi anche 50-100 euro appena) e talvolta quale percentuale fissa sul valore degli appalti. A fronte di questa ‘ritirata’ del contante, stante anche la difficoltà di occultamento delle somme illecitamente percepite, si manifestano nuove e più pragmatiche forme di corruzione. In particolare, il posto di lavoro si configura come la nuova frontiera del pactum sceleris: soprattutto al Sud l’assunzione di coniugi, congiunti o soggetti comunque legati al corrotto (non di rado da ragioni clientelari) è stata riscontrata nel 13% dei casi”.
“A seguire, a testimonianza del sopravvento di più sofisticate modalità criminali, si colloca l’assegnazione di prestazioni
professionali (11%), specialmente sotto forma di consulenze, spesso conferite a persone o realtà giuridiche riconducibili al corrotto o in ogni caso compiacenti”, prosegue l’Anac.
(ITALPRESS).

Next Post

IL 75% DEGLI ITALIANI PREFERISCE STRUTTURE TURISTICHE ECOSOSTENIBILI

ROMA (ITALPRESS) – Il 75% degli italiani preferisce strutture ricettive che non utilizzano plastiche monouso e l’80% si dice preoccupato dell’impatto che l’utilizzo della plastica monouso ha sull’ambiente, tanto da considerarla un’emergenza cui si deve porre rimedio. E’ uno dei dati emersi dal nono rapporto di Univerde “Gli italiani, il […]