COSÌ IL 5G CAMBIERÀ IL MODO IN CUI CI CURIAMO, DA VODAFONE 9 PROGETTI

admin

MILANO (ITALPRESS) – Il 5G al servizio della sanità e del nostro benessere. Vodafone ha presentato a Milano nove progetti per stravolgere il modo in cui ci curiamo. A partire dalla chirurgia da remoto, di cui è stata fatta una dimostrazione durante la mattinata, con il professor Carlo Trimarchi, otorinolaringoiatra del San Raffaele, che dal palco del Vodafone Village ha rimosso un polipo da un modello artificiale di laringe che si trovava in ospedale.

Oltre alla telechirurgia, le altre due novità che Vodafone ha presentato, in collaborazione con Humanitas, Politecnico di Milano e Exprivia-Italtel, sono i nuovi sistemi di analisi e consulto medico da remoto e il monitoraggio remoto del paziente.

Il primo è dedicato alla radiologia e permetterà ai tecnici di consultarsi e poter collaborare a distanza durante e subito dopo gli esami. Il monitoraggio da remoto, invece, è un progetto di telemedicina per la gestione e la cura a distanza di pazienti affetti da patologie respiratorie per facilitare l’accesso alle cure.

Tra gli altri progetti quelli che riguardano la possibilità di avere ambulanze costantemente connesse alla rete, per un intervento più rapido e preciso; una robotica di servizio, basata sempre più sull’intelligenza artificiale; una robotica riabilitativa, che permetterà al medico di controllare da remoto i progressi del paziente. Il modo di vivere il benessere di tutti i giorni verrà radicalmente modificato, con nuovi strumenti indossabili: la smart wearable technology, sia per uso sportivo, che per il monitoraggio quotidiano del proprio corpo.

L’altissima velocità di trasmissione di dati del 5G, con una latenza inferiore ai 10 millisecondi, permetterà di rivoluzionare dunque non solo il mondo del gaming, ma anche la nostra vita quotidiana, “fin nel sociale”, come ha sottolineato il Ceo di Vodafone Italia, Aldo Bisio.

(ITALPRESS).

Next Post

VETTEL "SUZUKA È IL CIRCUITO CHE PREFERISCO"

MARANELLO (MODENA) (ITALPRESS) – “Quello di Suzuka è con ogni probabilità il circuito che preferisco nell’intero calendario. Si tratta dell’unica pista del Mondiale ad avere il layout a “otto”, il che, in qualche modo mi ricorda le piste giocattolo con le quali giocavamo da bambini. Solo che questo circuito è […]